Cosa c’è dietro a certe offerte di lavoro «sicuro e ben retribuito»

Alcuni giorni fa il post Uno stage (serio) per attività di Social Media Marketing ha aperto su questo blog una discussione sulla validità di certe proposte formative e sulla congruità dei rimborsi spese che le aziende propongono (quando li propongono) agli stagisti. Ci sono però molti casi in cui gli annunci di lavoro nascondono veri e propri inganni.

Parliamo innanzitutto delle offerte che prospettano forme di affiliazione o di franchising, con rischi contenuti e ampi margini di guadagno per chi aderisce: alcuni operatori disonesti promettono assistenza, formazione e servizi che in realtà non danno. Un caso eclatante è quello delle nuove agenzie di viaggio promosse dalla Dodotour – Evolution travel.

Da valutare con cautela estrema sono i messaggi pubblicitari che enfatizzano un “lavoro sicuro”, ma nascondono corsi di formazione o stage a pagamento, mentre le prospettive occupazionali sono quanto mai incerte (vedi la vicenda dei corsi per guardia giurata della Studio GM di Napoli o dei casting organizzati da Mediaone e New line diffusion).

Jobs

Molto diffuse sono purtroppo anche le offerte di lavoro a domicilio (per realizzare bigiotteria, imbustare dépliant, trascrivere indirizzi), in cui ci guadagna solo chi fornisce la merce facendosela pagare, mentre chi accetta fa un lavoro in nero con guadagni irrisori: vedi il caso dell’impresa individuale Estensione Moda.

Da non sottovalutare infine le cosiddette catene di Sant’Antonio, in cui ancora cadono in molti, che si illudono di ottenere velocemente guadagni facili, ma finiscono per rimetterci tempo e denaro: tra i casi più recenti cito i sofisticati sistemi messi in piedi dalla Xango (succhi di frutta) e dalla Agel (integratori e cosmetici).

Assoutenti ha realizzato anche un controspot artigianale per informare di questi pericoli (vedi sotto). Quando vi imbattete in situazioni analoghe a quelle descritte, non esitate a denunciarle: se la pubblicità ingannevole va combattuta con forza, il comportamento di chi specula sul bisogno di lavoro di tante persone (giovani e non) è a maggior ragione ancor più odioso e pericoloso.

PS: a chi volesse saperne di più su pubblicità ingannevole e altre pratiche scorrette segnalo il numero di ottobre di “Leggi, regole, consumatori”. Giulio Marotta, Assoutenti.

Offerte di lavoro: sogni sfumati

4 risposte a “Cosa c’è dietro a certe offerte di lavoro «sicuro e ben retribuito»

  1. io da evolution travel ho fatto il colloquio! quando sono andata da loro ho capito che era una mezza truffa.
    ma posso citare anche l’aspirapolvere rivoluzionario brevettato dalla nasa (!) con tanto corso di formazione/motivazionale con musica a palla. il risultato era che il primo aspirapolvere lo vendevi a tua mamma, con la scusa che fosse giusto fare la prima vendita ad una persona con la quale non fossi in imbarazzo.
    entrambe le cose sono successe nel 2008.

  2. catene di sant’antonio? forse non è ben chiaro la differenza tra catene di sant’Antonio e network marketing… una è illegale.. legge 173 del 2005, e l’altro un sistema di commercio che dall’85 in italia viene utilizzato da aziende serie per commercializzare i loro prodotto.
    le sanzioni sono all’ordine del giorno per tante aziende in tutti i settori, non ultima la apple multata di 500.000 dollari per la applecare o gli scandali di come venivano trattati i dipendenti, ma come lei anche il riso scotti, la red bull ecc…
    ti invito per tanto a valutare di persona il sistema di commercio chiamato network marketing oggi studiato nelle migliori università del mondo, il quale non promette guadagni facili perchè quelli non esistono a parte per i politici e tanti dirigenti statali…
    ma offre un opportunità seria, che se presa con impegno e serietà come in tutte le attività imprenditoriali può portare a guadagni interessanti.
    disponibile ad un confronto di persona ti saluto giovanna.
    a presto
    stefano

  3. Stefano, potresti citare qualche caso (con nomi e soprattutto NUMERI) di network marketing che non sia una truffa o un business in sostanziale pareggio? Chiedo scusa alla padrona di casa per l`intromissione, ma non ho ancora trovato dei casi positivi. Se, come dice Stefano, non c`e` reddito facile, forse e` meglio fare qualcos`altro con le proprie risorse, per esempio studiare.

  4. Aggiornamento veloce. Nei giorni scorsi il Consiglio di Stato ha definitivamente confermato la sanzione a carico della società Education scuola lavoro di Torino che, nel 2008, aveva pubblicizzato corsi di formazione professionale enfatizzando la possibilità di ottenere un facile inserimento nel mondo del lavoro. In realtà la percentuale indicata nel messaggio (“99% promossi, 96,7 inseriti”) si riferiva solo ad alcune tipologie di corsi mentre per altre gli sbocchi occupazionali erano molto più incerti. I destinatari del messaggio erano indotti a partecipare ai corsi nella convizione della “quasi automatica” possibilità di ottenere un posto di lavoro. Se vuoi saperne di più leggi questa scheda http://www.assoutenti.it/articolo.asp?sez=100&art=1332

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...