Archivi del mese: marzo 2008

Ordinary People

Gli spot che abbiamo visto in questi giorni davano voce alla “gente comune” per sostenere questo o quel partito. I risultati sono a volte comici, a volte artificiosi.

Eppure bastano una voce off che reciti un testo ben scritto, la giusta musica in sottofondo, un montaggio veloce, per redimere l’incapacità di recitare (o cantare o ballare) dei non professionisti che vengono coinvolti.

Sono andata a guardarmi un po’ di spot di Hillary Clinton. Com’era prevedibile, alcuni mettono in scena gente comune. Ma l’effetto – ora ne vedrai due – è ben diverso. Forse potrai spiegarlo con la solita mancanza (italiana) e abbondanza (americana) di soldi.

Ma produrre un video per YouTube ormai costa poco. Siamo proprio sicuri che una laureata o un laureato (in Comunicazione o Dams), sufficientemente svegli e opportunamente guidati, non saprebbero confezionare un video che somigli (almeno un po’) a questi? Adattandolo al contesto italiano e al messaggio elettorale, intendiamoci.

Night Shift

For People

Il tram dei desideri

Ho trovato su YouTube lo spot tv de La Sinistra l’Arcobaleno (non l’ho mai visto in televisione, tu sì?).

Le persone coinvolte non sono attori professionisti e, a parte un paio di talenti naturali, il risultato è artificioso. Anche Bertinotti è forzatello, il che è più grave visto che lui è il leader. Peccato, l’idea non era male.

(Inter nos: dilettanti per dilettanti, almeno qui si evita l’effetto “Corrida” che abbiamo visto nei giorni scorsi).

Che te ne pare?

Un’altra parodia che non lo è

Per continuare le riflessioni di ieri, Ricky mi propone questo video, realizzato per Rosy Bindi da alcuni suoi giovani sostenitori di Pisa, per le primarie del 14 ottobre scorso.

Anche questo sembra una presa in giro della candidata.

Somiglianze strutturali con I’m PD? Differenze?

Vantaggi?

Svantaggi?

Credevo fosse una parodia…

… invece non lo è, purtroppo. Non ce l’ho con Veltroni, giuro: cerco solo di capire alcuni meccanismi comunicativi. Ma dopo il post di ieri, Chiara mi ha segnalato il video realizzato da “02PD a Milano piace democratico“. Una specia di risposta a “Meno male che Silvio c’è”.

Mi colpisce la buona volontà che ci hanno messo, ma l’effetto è quello di un boomerang, secondo me.

Mi dai una mano a elencare tutto ciò che in questo video si ritorce contro il partito che vorrebbe sostenere? Senza polemiche politiche però. Solo la comunicazione, per favore.

Oppure, se ti piace/ti carica/ti fa venire voglia di stare con loro, dillo tranquillamente, magari specificando qual è l’elemento che più ti cattura. Mi aiuterà a capire.

E mi raccomando: stiamo parlando di comunicazione, non di chi vota cosa. Grazie davvero.

A me gli occhi

Prendo spunto da questo post di Luisa Carrada, che giorni fa confrontava l’insistenza dello sguardo in camera, con cui in questi giorni i politici nostrani ci assillano dai manifesti elettorali, con la recente campagna di Zapatero.

Più volte mi è capitato di spiegare agli studenti che, in una foto o un audiovisivo, lo sguardo in camera stabilisce una relazione fra il soggetto ripreso e chi lo guarda più vicina di uno sguardo che punta da un’altra parte. In certi casi, addirittura, serve a costruire da zero la relazione, mentre uno sguardo altrove la nega.

Però però.

Lo sguardo in camera di Veltroni – nell’unica foto che è stata usata per la sua campagna affissioni – non mi convince affatto. Guarda qua:

veltroni_ufficiale.jpg

Il problema è che è troppo in camera, troppo fermo: è come se qualcuno gli avesse fatto la stessa lezione che io ammannisco ai ragazzi del secondo anno e lui l’avesse applicata pari pari, come in un compito in classe, senza neanche sforzarsi di interpretarla. “Guarda qua che sembri più autentico”, gli hanno detto. E lui l’ha fatto, bravuccio com’è.

Se poi ci fosse Paul Ekman, il celebre studioso americano di espressioni facciali e comunicazione non verbale, ci spiegherebbe che questa foto ha un altro gravissimo difetto: il sorriso non coinvolge la parte superiore del volto, ma solo quella inferiore. Il che è tipico dei sorrisi fasulli. Dice Ekman:

“Il sorriso falso è più asimmetrico del sorriso sentito. Il sorriso falso non è accompagnato dall’azione dei muscoli intorno agli occhi, cosicché (a meno che il sorriso non sia molto accentuato), non si notano il sollevamento delle guance, le borse sotto gli occhi, le zampe di gallina o il lieve abbassamento delle sopracciglia che compaiono nel sorriso autentico, anche di scarsa o media intensità” (Telling Lies. Clues to Deceit in the Marketplace, Politics, and Marriage, W.W. Norton & Company, New York-London, 1985, trad. it. I volti della menzogna. Gli indizi dell’inganno nei rapporti interpersonali, Giunti, Firenze, 1995, p. 121).

Ma questo si impara nei corsi più avanzati, che nessuno dello staff di Veltroni deve aver frequentato.

Erri De Luca sull’acqua

È festa. Piove. La giornata dell’acqua è passata, ma i problemi no. Però scommetto che hai ricominciato a lasciare quel rubinetto aperto, porca miseria.

Allora leggi il brano che ha riportato nei commenti Giacomo l’altro giorno: un grande Erri De Luca che parla d’acqua.

Bellissimo, non lo conoscevo. Grazie Giacomo.

“Sta nella nuvola e nel pozzo,
nella neve e nella noce di cocco,
negli occhi e nel fiume,
nell’arcobaleno e nel lago,
nel ghiaccio e nel vapore della pentola sul fuoco,
nella bocca.
È la maggioranza della superficie.
È la maggioranza del corpo.
Una persona è acqua che cammina, dall’acqua di placenta all’acqua del sudario.
In ebraico è plurale, màim, acque.
In francese è una vocale sola, eau, ô.
In greco e in tedesco è neutra.
In russo e nelle latine è femminile.
Dal fondo del pozzo avverte il terremoto.
Fa tremare il ramo scortecciato in mano al rabdomante.
La sua avventura chimica è prodigio, ossigeno più idrogeno,
ad accostarli, esplodono.
Spegne fuoco, anche quello dei vulcani.
Fa il pane, fa la pasta.
È nel bianco e nel rosso dell’uovo. È nella sua buccia.
È nella carta e nel vino, nelle ciliege e nelle comete.
Chi la spreca verrà assetato.
Chi sporca l’acqua verrà sporcato. Secondo Geremia la voce di lod/Dio è chiasso di acque nei cieli. Giusta sarà la sorpresa di chi ascolterà la prima domanda, appena morto:
«Quant’acqua hai versato?».
Ognuno di noi sarà pesato a gocce.”

Erri De Luca, “Notizie sull’acqua”, in Carta Almanacco – Le guerre dell’acqua, anno V n. 10, 2003.

Oggi è la giornata mondiale dell’acqua 2

Sempre sull’acqua, perché sia chiaro qual è il problema.

World Press Photo Of The Year (2005)

3rd prize (cat. Contemporary Issues): Sucheta Das, Drinking from a polluted well, Gutri, India.

bere-da-un-pozzo-inquinato-gutri-india-di-sucheta-das.jpg