Barack against Hillary: a parody

Questo video di MadTV risale a un anno fa, ma è ancor più esilarante oggi, dopo che abbiamo assistito a decine di discorsi pubblici di Barack Obama e Hillary Clinton.

Ti ricordo che le parodie e le caricature – a parte il fatto che fanno ridere – sono utilissime per uno studioso o una studiosa di comunicazione, perché mettono a nudo alcuni punti di debolezza (o comunque discutibili) nell’immagine di un candidato (o di qualunque persona pubblica).

Idea per la tesi: lavorare sulle parodie dei candidati (partiti, coalizioni) delle ultime elezioni italiane, ancora reperibili su YouTube. Per i dettagli, vieni a ricevimento.

Una risposta a “Barack against Hillary: a parody

  1. eheh 🙂
    io ho seguito pochissimo questa faccenda, ma la sensazione da fuori è stata tutto il tempo quella che ho visto caricata qui dentro.
    “obama-è-un-fiiiqo-della-miseria!”. accennato e sottolineato partout.

    ma volevo domandarti: perché questo tipo di magnetismo pare essere assolutamente precluso a una donna?
    è un quesito che ti pongo al di fuori del confronto con quella che è hillary o la sua linea.

    ho da sempre la sensazione che le donne, sempre più preparate ed efficaci, falliscano gran parte delle imprese grandi che si propongono proprio per l’incapacità (impossibilità?) di evocare quel sentimento di simpatia e di leggero fanatismo popolare che si vede schizzato tanto bene in questo video e che in fondo è irrinunciabile.

    perché è così raro che le collettività sappiano leggere lo spropositato magnetismo di obama, come di tanti altri uomini che lo hanno preceduto, anche dietro a qualche donna? perché le donne, comunque sia – e sottolineo comunque -, riescono sempre a stufare prima?
    voglio domandarti se, secondo te, dietro ci sono le semplici peculiarità di una società in trasformazione che però ancora fa i conti con gli archetipi di un tempo.. oppure se trovi diversità di genere tali da giustificare la nostra apparente inadeguatezza ad accendere gli animi. errori comunicativi? c’è margine per lavorare ad un cambiamento, un cambiamento vero?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.