Le concessioni di Obama

La concessione è una mossa retorica che si usa nelle dispute e consiste nel dare temporaneamente ragione all’avversario, per poi ritorcere questa ragione contro di lui. Di solito si concede qualcosa su un tema secondario, o parziale, per vincere su uno più importante, e decisivo.

Si perde una battaglia per vincere la guerra, insomma.

La concessione è molto efficace nei dibattiti pubblici, perché chi la esercita mostra all’uditorio fair play e sicurezza: dare ragione all’avversario significa essere non solo capaci di mantenere la calma, ma talmente onesti e imparziali da riuscire a dire le cose come stanno, anche se favoriscono l’altro.

Naturalmente, però, non si deve esagerare: chi concede troppo rischia di perdere forza.

È quello che è successo a Barack Obama nel suo primo faccia a faccia con McCain. Ha detto così tante volte «McCain is right», che dopo poche ore i repubblicani hanno avuto gioco facile nel montare questo spot.

5 risposte a “Le concessioni di Obama

  1. Ho seguito alcuni passaggi del dibattito. Obama credo che abbia scelto la linea “della concessione” soprattutto dopo gli ultimi sondaggi che lo hanno visto di nuovo avanti, “grazie” alla crisi della finanza Usa. Quindi per lui meglio evitare una campagna “sanguinosa”, come pure aveva iniziato (vedi Palin-maiale col rossetto).
    Lo spot repubblicano, inoltre, segue la strategia di Hillary: mostrare Obama inesperto. E dopo un anno e mezzo di scena mediatica per il senatore afroamericano, credo che questo messaggio sia debole. Ormai è Obama è un protagonista della politica americana… e forse ciò lo hanno capito anche molti americani.

  2. Stefano I., mai sottovalutare il nemico… ti prego. In realtà il complesso dei sondaggi dopo il face-to-face hanno dato la sostanziale parità ai due candidati, ohimè.
    Da Sarah Palin in qua Obama ha perso un po’ di grinta.
    E sicuramente la centralità del podio.
    Spero solo riesca a recuperare entrambe.

  3. Purtroppo, Sarah Palin si avvantaggia della maggiore freschezza dell’immagine: Obama è logorato da una infinita campagna con Hillary, mentre il “pitbull col rossetto” (come piace definirsi!) è una novità assoluta.
    Infatti gli strateghi di Barack hanno fatto bene a smettere con lo stillicidio di polemiche verso Palin: il rischio è che la disputa venga impostata sulla “personalità più nuova” nelle prossime elezioni. E, in tal senso, Obama è “più vecchio” di Palin, perché già sulla scena mediatico-politica da oltre un anno.
    Quindi, meglio puntare sui disastri repubblicani e sulla “vecchiaia” di McCain, che cerca una spruzzata di nuovo con la sua vice.

  4. hai proprio ragione sulle concessioni, anche qui http://inviaggioconobama.myblog.it/archive/2008/09/10/gli-errori-di-mc-cain.html
    nel suo discorso Obama esordisce dicendo che il candidato americano John McCain “ha indossato al meglio l’uniforme del nostro Paese e per questo gli dobbiamo la nostra gratitudine e rispetto.” ma è solo un preambolo per introdurre il paragone con Bush e mettere in evidenza gli errori di McCain nel sottovalutare la recesione economica, da lui definita “mentale”, e nel definire l’America una nazione di brontoloni.

  5. Ma che effetto potrebbe avere un video di risposta democratica in cui si evidenziano le critiche successive a McCain nel discorso di Obama con frasi tipo “I repubblicani ingannano gli americani citando a metà i discorsi”, possibilmente in forma più elegante della mia?

    [per restare in tema di elezioni Usa, Palin e internet, consiglio di vedere il video mostrato nel post di oggi del Disinformatico]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.