Archivi del giorno: venerdì, 24 ottobre 2008

Che Banca!

La scorsa primavera è nato Che Banca!, il nuovo istituto di credito del Gruppo Mediobanca, che si rivolge ai piccoli risparmiatori puntando tutto su una comunicazione innovativa: burocrazia ridotta al minimo, uso del web per contenere i costi, linguaggio semplice e toni informali con i clienti, dichiarazioni sperticate di trasparenza.

Ma le novità maggiori sono nell’interior design delle filiali, arredate in stile fantascienza anni ’60: niente barriere all’ingresso, spazi aperti e luminosi, dominati dal giallo e dal bianco, postazioni self service, area break e bambini, sportelli in cui bancari e clienti siedono dallo stesso lato.

Guarda qua.

Dal 12 ottobre è stata avviata la nuova campagna di Che Banca!, realizzata dalla Casiraghi Greco &: 5 milioni di euro di investimento, per una presenza a tamburo battente su tutti i mezzi (stampa, tv, cinema, radio, Internet). A questo proposito, l’amministratore delegato della banca Christian Miccoli, intervistato su Economy del 22 ottobre, dichiara che «è l’ora della pubblicità trasparente» e che lo spot del nuovo Conto Tascabile ha come base il brano Cuore matto di Little Tony per richiamare la «tradizione italiana» e un «periodo storico di ottimismo».

Sarà.

È apprezzabile lo sforzo creativo ed economico, evidentemente pianificato mesi fa. Ma nel frattempo è subentrata la crisi finanziaria internazionale, con i relativi timori di recessione. A me pare che, in questo contesto, il nuovo spot suoni come una presa in giro: «C’è un conto nuovo, che ti vuole bene/ incassi e paghi, fai tutto quel che vuoi/ un euro al mese e pensieri non avrai… dice la verità, la verità…».

Forse non si poteva più tornare indietro, chissà. Però, potendo, io avrei aspettato a lanciare la campagna.