Quando le facce sono arte e denuncia

Dopo il post di ieri, mi è arrivata una mail di Sarah che, qualche ora dopo aver discusso la tesi triennale (ottenendo il massimo… brava!), mi segnalava un altro uso di facce nel mondo.

È quello del progetto Women are Heroes, in cui il giovanissimo fotografo JR ritrae i volti induriti dalla sofferenza di donne che vivono nei paesi poveri e disastrati del quarto mondo. Le sue fotografie vengono poi riprodotte in formato gigante su case, mezzi di trasporto, interi quartieri, negli stessi paesi delle donne ritratte. E arriveranno anche nei paesi ricchi, a quanto pare.

Questa è la descrizione del progetto Women are Heroes che si legge sul sito:

«The Women project wants to underline their pivotal role and to highlight their dignity by shooting them in their daily lives and posting them on the walls of their country.

On the other hand, by posting the same images of these women in Western countries, the project allows everyone to feel concerned by their condition and connects, through art, the two different worlds.

Kenya, South-Sudan, Sierra-Leone, Liberia: The violence suffered by women there is the extreme expression of discriminations. The ethnic wars in Africa are a source of the worst crimes on women. When meeting them, JR wants to testify of their force, their courage and their noble struggle: first to live, then to exist.

Right now JR is in Rio de Janeiro, Brasil where the context of favelas has encouraged to meet women for whom crime, violent lost of loved ones and arbitrary repression are part of everyday life.

In 2008/2009, JR plans to visit India, Cambodia, Laos, Marcs, then return to Kenya.

To the limits of contemporary art: the goal is once again to reach the limits of Art in a closed social and cultural environment and watch the reaction of the local population. What is at stake here is the assessment of the possibilities of intervention in the different environments. The success of such a process allows drawing a status of women in their countries. Proof by action is chosen.

In the Western countries, the exhibitions of the project will recall this artistic adventure, committed and committing.»

Ma queste facce sono molto diverse da quelle di ieri. (A proposito: urge una tesi di laurea. Anche specialistica, data la varietà dei casi.) I volti fotografati da JR sono splendidi e inquietanti al tempo stesso.

Sono arte, denuncia, monito.

Guarda come trasformano una favela di Rio de Janeiro (clicca per vedere meglio):

jr-photos-in-rio-de-janeiro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.