Archivi del giorno: mercoledì, 18 febbraio 2009

Vita da Facebook 6 – Cancellarsi è difficile

Su segnalazione di Sergio ho trovato questo articolo di Zeus News, che tutti coloro che abbondano nell’inserire informazioni e foto personali su Facebook dovrebbero tenere bene a mente:

«Facebook ha modificato recentemente le Condizioni d’uso che gli utenti devono accettare al momento di creare l’account, arrogandosi in pratica il diritto di disporre a piacimento di tutti i contenuti (testi, immagini, filmati) inseriti dagli utenti, anche qualora questi decidano di cancellarsi definitivamente dal social network.

Chi si iscrive concede a Facebook il diritto “perpetuo, irrevocabile, non esclusivo, trasferibile” di usare in qualsiasi modo (“copiare, pubblicare, diffondere, conservare, rendere pubblico, trasmettere, modificare” e la lista è ancora lunga) le immagini, i testi e quant’altro possa essere catalogato sotto la dicitura “User Content”, ossia praticamente qualunque cosa. Non solo: Facebook può anche concedere i contenuti in sub-licenza.

“Pazienza” – qualcuno potrebbe dire – “ci si può sempre cancellare”. È vero, ma i contenuti potrebbero non scomparire insieme all’account.

Nella versione originale delle Condizioni d’uso c’erano un paio di righe che tutelavano certi diritti degli utenti: “Potete rimuovere i vostri Contenuti Utente dal Sito in qualunque momento.” – si poteva leggere – “Se scegliete di rimuovere i vostri Contenuti Utente, la licenza concessa scadrà automaticamente, ma riconoscete alla Compagnia il diritto di conservare delle copie archiviate dei vostri Contenuti Utente”.

Ora queste righe sono scomparse, la licenza non scade più e “The Company” non ha più bisogno di archiviare alcunché, dato che può fare quello che vuole con le informazioni immesse, che non saranno mai soggette all’oblio.

Per essere ancora più chiari, una lunga lista, rubricata sotto la voce “Termination and Changes to the Facebook Service”, elenca tutto ciò che non svanisce con la chiusura dell’account e comprende pressoché qualunque attività un utente compia tramite Facebook.

In pratica i nuovi iscritti si consegnano completamente al social network che va tanto di moda e così fanno anche quelli vecchi, che a suo tempo avevano accettato le Condizioni originali.

Da sempre, infatti, le Condizioni d’uso prevedono una clausola che ne consente la modifica da parte della società senza la necessità di avvisare gli iscritti. Anzi, “Continuare a usare il Servizio Facebook dopo tali cambiamenti costituisce l’accettazione delle nuove Condizioni”.

Esiste in realtà una possibilità per mantenere il controllo sulle informazioni immesse e sta nell’essere estremamente restrittivi per quanto riguarda le impostazioni sulla privacy.

Le Condizioni esplicitano infatti che l’unico limite che Facebook si autoimpone riguarda proprio quelle impostazioni: prima di cancellarsi, quindi, sarà utile regolarle. Dopo essere usciti dal social network tutto sarà di “proprietà” di Facebook.»

(ZEUS Newswww.zeusnews.com – 16-02-2009)

LA RETTIFICA

Il giorno dopo, il fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg, ha parzialmente corretto la rotta. Questa è la notizia, sempre da Zeus News, che però non cambia la sostanza dell’attenzione che gli utenti devono sempre e comunque metterci:

«Alla fine è dovuto intervenire Mark Zuckerberg in persona per chiarire meglio la situazione che si è creata quando qualcuno ha cominciato a notare i recenti cambiamenti apportati alle Condizioni d’uso di Facebook.

“La nostra filosofia” – ha spiegato il Ceo del social network – “è che la gente possiede le proprie informazioni e controlla la loro condivisione con terzi”.

Per poter mostrare ad altri ciò che un utente vuole condividere, però, Facebook deve avere una licenza che gli permetta di farlo: ecco perché le condizioni d’uso chiedono che gli iscritti accettino la manipolazione dei loro contenuti. Altrimenti il servizio sarebbe impossibile.

Messa così potrebbe anche avere un senso, ma resta da capire perché mai Facebook debba essere in condizione di conservare per sempre i contenuti immessi dagli utenti.

È ancora Zuckerberg a spiegarlo: “Quando una persona condivide qualcosa, come un messaggio, con un amico, vengono create due copie di quel messaggio – una nella cartella di posta inviata e l’altra nella cartella di posta in arrivo dell’amico”. Se poi il mittente cancella il proprio account, l’amico deve poter conservare il messaggio inviatogli e ospitato sui server di Facebook: ecco il perché di quella clausola.

D’altra parte, scrivere un contratto richiede il rispetto di certe convenzioni: “Buona parte del linguaggio delle Condizioni è eccessivamente formale e protettivo nei confronti dei diritti di cui abbiamo bisogno per fornirvi il servizio”. Insomma: nessuno vuole sottrarre agli utenti il controllo dei loro contenuti; c’è soltanto bisogno di avere le autorizzazioni necessarie per lavorare.

Credere soltanto alla buona fede e alle questioni tecniche è tuttavia un po’ poco. Per questo Zuckerberg ricorda che le impostazioni sulla privacy sono vincolanti: “noi non condivideremmo mai le vostre informazioni in un modo che voi non volete”. Ciò che è esplicitamente dichiarato come privato resta privato.

Che però tutto ciò non emerga molto chiaramente dalle nuove Condizioni è evidente, tanto che anche il Ceo di Facebook deve ammettere che – forse – le cose si potevano fare un po’ meglio, specie considerata la natura delicata della questione: “È un terreno accidentato da percorrere e faremo qualche passo falso, ma […] prendiamo questi problemi e le nostre responsabilità nel risolverli molto seriamente”.

Forse il post del padre di Facebook non avrà fugato tutti i dubbi, ma almeno è segno del fatto che la questione è stata notata e presa in considerazione. D’altra parte, come ha fatto notare a suo tempo anche il nostro garante della privacy, i primi a preoccuparsi delle proprie informazioni personali devono essere gli utenti: l’importante è che, se uno vuole mettersi in vetrina, sappia bene a che cosa va incontro»

(ZEUS Newswww.zeusnews.com – 17-02-2009)