Apri un’impresa, trova lavoro

È da tempo che volevo segnalare la sezione «Apri un’impresa/trova lavoro» del sito Nuovo e Utile di Annamaria Testa. Imprescindibile per qualunque studente universitario.

Due assaggi soltanto, per il resto vai al sito.

Come si progetta un’impresa:

Se vuoi avviare un’impresa devi prima di tutto scrivere un business plan, definendo l’obiettivo della tua attività, il mercato, la strategia competitiva, i partner… Il business plan è utilissimo per mettere a punto un progetto e indispensabile per trovare finanziamenti. Trova online esempi di business plan reali, e poi altri esempi ancora. Comincia a costruire il tuo business plan con l’aiuto di 14 semplici schede. Infine leggi i consigli di Paul Graham, specie se hai in mente il web (ma non solo).

E un evergreen su curriculum e annessi:

Trovare lavoro è… un lavoro. Segui le indicazioni di Trent Hamm. Guarda come si fa un curriculum Europass. Leggi i consigli e scarica gli esempi gratis da ilcurriculum.net. Orientati con le mille info di Trovareillavorochepiace, e con l’aiuto della prof. Colucci, che da Salerno ti offre un sito semplice e pieno di buon senso. Con un clic in Jobrapido vedi e confronti offerte di lavoro raccolte da centinaia di siti. Guarda anche Lavoricreativi, Almalaurea e Collegamentoneutro. Dai un’occhiata a Eures se cerchi lavoro all’estero.

Una risposta a “Apri un’impresa, trova lavoro

  1. Molto carino il sito di Maddalena Colucci. 🙂 Si tratta di materiale che è pero’ rivolto all’istruzione secondaria…
    Graham & Hamm li manderei pero’ a rinfrescarsi le idee due mesetti in un campo di lavoro in Siberia…
    L’Analisi Grafologica poi è una procedura “fascista” (o “talebana”, fate voi). Dato che ci siamo, facciamo anche la selezione degli spermatozoi come nel reality show “Sperm Race” dove solo chi ha il campione di seme considerato migliore (o più “ariano”, fate voi) puo’ fecondare la ragazza…
    Quando sento parlare di “creazione di impresa” mi va il sangue alla testa. Ricordo che due anni fa, in Francia, ad un Centro per l’Impiego era arrivato un signore, sulla sessantina, con una valigetta stile quella di Michael Douglas in “Un giorno di ordinaria follia”. Rammento che, gentilmente, aveva chiesto se c’erano delle novità per la sua start up di impresa ed il funzionario, con un arroganza mai vista, gli rispose che non aveva i requisiti e lo invitavava ad andarsene. A questo punto l’uomo chiese di poter conferire con il direttore. Non l’avesse mai chiesto! Il funzionario cominciò a sbraitare: “Foutez le camp!” mentre il signore continuava insistentemente a chiedere del direttore… L’altro allora chiese aiuto (sic). Per farla breve, alla fine, l’uomo fu portato via con la forza mentre continuava a ripetere: “JE VEUX CREER MON ENTREPRISE!!” A questo punto ho chiesto allo sportello: “Ma non avrebbe l’età della pensione il signore, piuttosto che di creare la propria impresa? (Non me ne vogliano i puristi della lingua col “piuttosto che” congiuntivo o disgiuntivo che dir si voglia. Io lo uso come lo usa il POPOLO!)
    L’impiegata mi risponde: “Eh, ma per andare in pensione bisogna anche aver maturato i contributi!” Allora mi è venuto in mente come finisce “Bianco, Rosso e Verdone, al seggio di Matera ed ho pensato: “Andatevene tutti a pijarvulu intra u c…u!” e me ne sono andato via.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.