Twitter o Facebook?

Dal Sole 24 Ore di oggi:

TWITTER CAMBIA PELLE E APRIRÀ ALLE AZIENDE

di Mario Platero

CARLSBAD – Ieri a Carlsbad, al settimo convegno D, All Things Digital, il popolo di Internet e dell’Infocom ha reso omaggio ai nuovi eroi della rete, Evan Williams e Biz Stone, i fondatori di Twitter. Per due ragioni, perché hanno dimostrato che la rete può essere sempre travolta da un nuovo fenomeno esplosivo.

E perché hanno rispolverato, proprio oggi, in tempo di crisi, di umile ridimensionamento, il postulato della «valutazione irrazionale» per prodotti Internet rivoluzionari: Twitter ha triplicato il traffico solo negli ultimi mesi, balzando a 34 milioni di visitatori (ma fra i corridoi del Four Season di Carlsbad c’era già chi parlava di 60 milioni), un anno fa aveva appena un milione di visitatori. È ancora nella fase primordiale: ha una struttura di 45 persone inclusi i fondatori, non ha un dollaro di reddito, c’è vaghezza sul “business model”. Ma sulla carta oggi vale lo stesso un miliardo di dollari. A febbraio valeva 250 milioni!

Incontriamo Williams, carino, originario del Nebraska, 37 anni.

È già una celebrità nel settore perché fu lui a lanciare nel 1999 il termine “Blog” e “Blogger”, ai margini del convegno. Con lui, inseparabile c’è Biz Stone, 35 anni, il suo socio (minoritario), più sfuggente e forse un tantino scostante. «Qualche idea ce l’abbiamo: vogliamo creare un traffico più mirato e far capire che attraverso Twitter si può imparare, non è solo uno strumento passivo o limitato che raccoglie in poche parole espressioni di un certo momento apparentemente inutili» dice Williams. «Abbiamo anche in mente il mondo aziendale, dei professionals – aggiunge Stone – non c’è un modello ma ci sono delle idee, forse a produttori di beni al consumo può interessare catturare gusti o sensazioni della loro base di clienti o identificare audience trasversali».

Per chi non fosse completamente al corrente, Twitter fa un balzo in avanti rispetto a Facebook, come Google lo fece su Yahoo!: semplificando, è un microblog, ci si iscrive gratis, ciascuno degli iscritti può inserire un messaggio non più lungo di 140 lettere in risposta alla domanda «cosa stai facendo?». L’iscritto è alle stesso tempo “seguito” o “al seguito”. In apparenza i messaggi sono inutili: «Vado a dormire», «ho appena preso un cappuccino molto buono» e così via.

Ma dietro questa apparente inutilità si mobilita un potente ecosistema fatto di grandi numeri, di preferenze, di gusti e di micro e macroinformazione. Per la micro, si segue un cosa particolarissima, che dire, uno sviluppo di quartiere o un argomento specialistico su cui qualcuno mette in rete informazioni aggiornate. In termini macro significa seguire una celebrità, del giornalismo ad esempio che da opinioni, o dello spettacolo, bypassando agenzie di stampa.

C’è, dunque, se bene organizzato, anche uno straordinario potere informativo. È questo che intendeva Williams quando diceva che su Twitter si può «imparare». Il successo è stato enorme, un anno fa c’erano un milione id iscritti, oggi come abbiamo detto sono 35 milioni – o 60, a seconda dei pareri –. Entro l’anno ci saranno novanta dipendenti e si sta già ridisegnando la “home page”.

L’idea di Twitter e dei Twitts, le minuscule frasi, era venuta a Jack Dorsey, un dipendente di Williams nella sua vecchia società. Dorsey aveva fatto programmi per tassisti e “dispatcher” (centralini di prenotazione), che avevano in continuazione bisogno di sapere dove fosse il traffico in un certo momento. «Perché non farlo per tutti? Mi disse Jack, così abbiamo provato – racconta ancora Williams – e Dorsey e Biz hanno scritto il programma di base in due settimane».

Adesso arriva la parte difficile: tenere il ritmo, fare le alleanze giuste, raccogliere fondi con prudenza. Per ora c’è stato un primo round di venture capital di 20 milioni di dollari e un altro in febbraio per 35 milioni di dollari. La diluzione, dicono fonti, è stata contenuta. Ma adesso ci vuole il modello, poi il testing del modello, poi la Borsa. Quando la crisi sarà già finita, ovviamente.

Mario Platero, Il Sole 24 Ore, 28 maggio 2009

5 risposte a “Twitter o Facebook?

  1. Circa un mese fa, Claudio, “twitterò” il link di questo articolo:

    http://bokardo.com/archives/relationship-symmetry-in-social-networks-why-facebook-will-go-fully-asymmetric/

    Facebook prima provò ad acquistare Twitter, poi iniziò a copiarne la strategia.
    una questione di information architecture = attention inequality = power of Assimetry in relationship

    What Would Facebook and Twitter do ?!

  2. In Italia: Facebook, non Twitter, ma sempre più Netlog. Io lavoro in un’agenzia di pubblicità come digital pr, 🙂 cioè pr sul web e i social network sono il mio pane quotidiano. Mi pare interessante sottolineare che Twitter è in ritardo con la versione in italiano, dunque in Italia non c’è gara tra FB e Tw. Però, il nuovo trend nella fascia under 18 è Netlog. I numeri con precisione li ho in ufficio, ma credetemi, posso garantire.

  3. Avevo anche io i numeri alla mano su Netlog e ovviamente non li trovo…comunque confermo quanto dice Francesca.

    I paragoni sempre più frequenti a Facebook non mi convincono molto perché personalmente li vedo come servizi completamente diversi, nati per scopi diversi:basti pensare che facebook utilizza il tuo nome vero per identificarti, o che twitter ti permette di trovare nuovi utenti da seguire mediante una ricerca sull’argomento dei tweet stessi, che possono essere taggati.

    Io credo che Twitter abbia delle grandi potenzialità: è stato ideato come un servizio molto basilare al quale ci si può interfacciare in diversi modi.

    L’esplosione attuale di utenti credo sia data in gran parte dalla comodità di poter aggiornare in un colpo solo gli status della stragrande maggioranza dei social network a cui si è iscritti, e in molti Paesi puoi farlo via sms.
    La semplicità di Twitter ha portato alla creazione di centinaia di Client che ti permettono di usarlo praticamente ovunque, e i servizi che lo sfruttano possono essere tantissimi (ad esempio i social network basati sulla collocazione geografica, che grazie all’espanzione dei GPS sui cellulari si stanno espandendo a macchia d’olio).

    Parlando da blogger poi, lo trovo molto comodo per poter interagire con parte della blogsfera condividendo pensieri e idee varie che sarebbero fuori posto su un blog.

  4. E come lo motiviamo quest’interesse dei teenager a Netlog?
    Ha semplicemente rimpiazzato Badoo o c’è dell’altro?
    Ipotesi mia: è photo’n’love-oriented [ = piccoli “amori” per se stess* e per altr* nascono da n foto (n = tante ma tante)]!

  5. “Incontriamo Williams, carino, originario del Nebraska, 37 anni”

    “Con lui, inseparabile c’è Biz Stone, 35 anni, il suo socio (minoritario), più sfuggente e forse un tantino scostante”

    Carino, 37 anni, un tantino sfuggente, 35 anni…
    Sarà che per l’esame di semiotica dei nuovi media sto leggendo troppo Jenkins, però inizia a sembrarmi compulsivo questo bisogno di essere informali e simpaticissimi quando si parla di nuovi media.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...