Corpi idratanti

Per fortuna la pubblicità commerciale riesce ancora a regalarci eleganza e originalità.

Come in questo in spot della crema Vaseline Sheer Infusion (un marchio della anglo-olandese Unilever), realizzato dall’agenzia BBH.

Qui il corpo umano – anche femminile – è ben presente.

Ma è rispettato.

E valorizzato.

4 risposte a “Corpi idratanti

  1. magari mi sbaglio. ma vedo corpi femminili leggiadri e non ben definiti. le ginnaste sono oggetto/goccia-di crema! e mi sembra che il loro movimento sia dettato da uomini che si muovuono lateralmente sulle colonne…un po’ come dei burattinai!
    sicuramente mi sbaglio…troppo pessimismo! non sono abituato a vedere donne rappresentate non come un pezzo di carne!

  2. JD, sono corpi femminili e maschili che danzano come goccie idratanti. E quelli che tu vedi come burattinai, mi sembrano piuttosto ingranaggi di un meccanismo più grande di loro.

    Certo, potremmo dire che anche in questo caso il corpo umano (sia maschile sia femminile, guarda bene…) è reificato, ma francamente mi sembrerebbe una posizione pretestuosa e esagerata. Non trovi?

  3. Sì sembrerebbe troppo esagerata! La mia è un’impressione dettata dal pessimismo e dal fatto che da tempo non mi aspetto molto dalle pubblicità.

    Ci devo fare l’occhio!

  4. eleganza e originalità certo non mancano.mi ha colpito così tanto e mi sono informata sull art director,ho scoperto che sono in verità due Maja Fernquist e Joakim Saul.Maja è davvero geniale,finalmente il corpo femminile rivalorizzato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.