Qualche azienda ci prova…

… a presentare un modello di bambina un po’ diversa.

Che per esempio si arrampica sugli alberi (ricordi Pippi Calzelunghe?), come Giovanna nello spot Galbani Certosa (di Ogilvy Italia):

O da grande vuol fare la «naturalista», come Anna nello spot Ferrero Kinder Colazione Più (non ho trovato l’agenzia, mi aiuti?):

Non è chissà cosa, ma un passettino avanti. Piccolissimo, ma c’è.

3 risposte a “Qualche azienda ci prova…

  1. Concordo, un passettino è stato fatto. Un grande passo ci sarà quando si vedrà una bambina salire sull’albero anche senza uccellini, perché le piace e basta (come Pippi Calzelunghe), e un’altra che da grande vuole aprire un’azienda nel settore biologico.

  2. Di quel filone delle pubblicità Kinder a me piace anche l’uso della parola “impegnarsi”. Sul bambino che “vuole fare l’aviatore”, la voce fuori campo dice “dovrà impegnarsi molto”. Considerati i tanti messaggi (pubblicitari e/o televisivi in generale) che lasciano passare l’idea di poter avere successo senza muovere un dito o al massimo sbattendo le ciglia, una frase come quella sembra quasi miracolosa.
    Rileggo quello che ho appena scritto e mi sento molto maestrina dalla penna rossa! 🙂

  3. L’agenzia dello spot di Ferrero Kinder Colazione Più dovrebbe essere la stessa delle altre campagne, Giovanna (forse la DWA?). Ricordo che tempo fa Aldo Grasso, nella sua rubrica Pit Spot su CorrierEconomia, faceva una disamina dei vari spot e mi pare fossero riconducibili alla medesima agenzia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...