Archivi del giorno: martedì, 21 settembre 2010

La pubblicità qua e là

Commentando il post La differenza fra Olanda e Italia vista da Lactacyd, Barbara Summa, che vive da anni in Olanda, allarga la questione – giustamente. E ci fa capire ancora meglio la differenza fra come lavorano le agenzie pubblicitarie e i loro clienti in Italia e in Olanda.

Ecco una parte del suo commento (il resto QUI):

«Sono contenta che abbiate fatto questo tipo di paragone perché ci sarebbe un discorso molto ampio da fare (e magari prima o poi lo faccio) sull’approccio al messaggio pubblicitario in Italia e in Olanda.

Qui si usa molto, ed evidentemente funziona, il nonsense, il senso dell’umorismo, anche quando si tratta di dire pane al pane (cercatevi su YouTube la pubblicità di Centraal Beheer sul giardino dell’Eden: è muta, e basta sapere che il comittente è una delle più grosse assicurazioni del paese e che gli olandesi si assicurano contro tutto, per capire anche il contesto).

Lavorando come traduttrice ho avuto conversazioni surreali con account manager italiani e il modo in cui percepivano la comunicazione del prodotto rispetto alla casa madre americana o olandese: a volte non sapevo se spararmi io o sparare a loro.»

Ecco lo spot a cui si riferisce Barbara, che gioca ancora una volta su questioni di genere sessuale ma, in un contesto culturale e sociale di maggiore tranquillità e parità, la cosa non disturba né offende nessuno.

«Adam and Eve», 2008:

Ecco un altro spot di Centraal Beheer di quest’anno, che scherza su altro:


E perfino sulla morte: