Archivi del giorno: lunedì, 8 novembre 2010

La Treccani e le coatte

Mi scrive Il Comizietto:

«Cara Giovanna, sono quasi sicuro che non ti sei persa l’ultima campagna dell’istituto Treccani. Questa estate, in uno dei servizi “intelligenti” tipici dei tg estivi, due ragazze “coatte” hanno avuto il loro attimo di celebrità:

Molti in rete hanno poi ripreso queste interviste, ricombinandole e citandole nei modi più disparati e ora l’istituto Treccani ha pensato bene di trarre spunto dalle due involontarie protagoniste, per pubblicizzare i suoi dizionari con questi spot:

Anche se gli spot sono molto divertenti, non mi sembra siano utili all’istituto Treccani. C’è lo stereotipo della ragazza stupida e quello dell’intellettuale ingessato e grigio, ma non c’è nessun contatto fra i due mondi: l’intellettuale resta grigio e le coatte ignoranti.

Qual è il messaggio? Ognuno per la sua strada. Ma la Treccani non dovrebbe mirare a vendere i suoi libri a chi vuole essere meno ignorante?

Mi fermo qui. Spero che una tua riflessione in merito a questi spot rientri nei tuoi progetti disambiguanti. :-)»

Caro Il Comizietto, sono talmente d’accordo con te che rincaro la dose: contrariamente alle buone intenzioni dell’istituto Treccani, gli spot, proprio perché così simpatici, non solo non avvicinano i due mondi, ma possono contribuire a rendere ancor più «di tendenza» comportamenti e slang «da coatte».

Non credo affatto che faranno vendere più dizionari… 😦