Archivi del giorno: mercoledì, 9 febbraio 2011

Non scrivere messaggi quando guidi!

Gli incidenti stradali sono determinati da tre fattori principali: l’infrastruttura stradale, il veicolo e l’errore umano (ne avevamo già parlato QUI).

Negli ultimi anni diverse ricerche americane, europee, e ora finalmente anche italiane, hanno identificato in particolare nella distrazione la causa fondamentale di errori per chi guida un veicolo.

La distrazione è definita dal National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA) «una deviazione di attenzione dal compito primario, che è quello di guidare, a causa di altre attività visive, cognitive, uditive, o biometriche».

Secondo la «Ricerca demoscopica sui comportamenti alla guida» pubblicata quest’anno dalla Fondazione Ania, la distrazione alla guida porta a queste conseguenze:

  1. I tempi di reazione di chi guida e nello stesso tempo usa un dispositivo elettronico si riducono del 50%.
  2. A una velocità di 110 km orari chi parla al cellulare fa 14 metri in più prima di fermarsi.
  3. La distanza di arresto diventa di 39 metri se si guida col cellulare (8 metri se si usa l’auricolare o il kit vivavoce).
  4. Usare un dispositivo elettronico abbassa la soglia di attenzione rendendola simile a quella di chi guida con un tasso alcolemico di 0,8 g/l.
  5. Per chi parla al cellulare il rischio di fare incidenti aumenta di 4 volte.

Dunque non c’è cosa peggiore, per il rischio di incidenti gravi, che mandare sms mentre stai guidando.

A questo proposito la compagnia telefonica statunitense AT&T ha avviato da alcun mesi una campagna di sensibilizzazione e prevenzione dal titolo «Don’t text while driving», che comprende un documentario di 10 minuti e diversi spot.

Il documentario


Gli spot

Lo spot con gli attori di Melrose Place