Archivi del giorno: mercoledì, 27 aprile 2011

Rinunciare al posto fisso per lavorare in proprio col web: follia o lungimiranza?

Oggi – assieme a Patrizio Bianchi (Assessore scuola, formazione professionale, università e ricerca, lavoro della Regione Emilia-Romagna) e Andrea Cammelli (direttore AlmaLaurea) – presenterò alla Libreria Coop-Ambasciatori, via degli Orefici 19, Bologna, ore 18:00, Wwworkers: i nuovi lavoratori della rete (Gruppo24Ore, 174 pagine), di Giampaolo Colletti.

Wwworkers Cover

Conosco e stimo Giampaolo da un anno e mezzo, per aver condiviso con lui – come ospite e una volta co-conduttrice – diverse dirette «a rete unificata», come lui le chiama, delle micro web tv che afferiscono a Altratv.tv. Perciò quando mi ha chiesto di presentare il libro, ho accettato a scatola chiusa: non me ne aveva mai parlato, ma mi fidavo.

Quando poi l’ho letto, ho scoperto una riflessione sul mondo del lavoro italiano non solo interessante e controtendenza, ma pertinente con temi che abbiamo più volte affrontato su questo blog: precariato, lavoro giovanile, sbocchi professionali per i laureati in ambito umanistico.

Giampaolo infatti – laureatosi in Scienze della Comunicazione a Bologna nel 2005 – trovò ancora prima di laurearsi un fantastico «posto fisso» in una grande e stabile azienda, con mansioni pertinenti per i suoi studi. Ma dal posto fisso è fuggito (di sua iniziativa!) per ben due volte, l’ultima delle quali nel luglio 2010 (in piena crisi economica!), per lavorare in proprio quasi esclusivamente col web. È diventato insomma un wwworker – termine da lui coniato – ovvero un world wide worker.

Un pazzo isolato? Uno baciato dalla fortuna? Niente affatto: nel mettersi in proprio Giampaolo è sempre stato consapevole di correre rischi, ma di non essere l’unico a farlo in Italia: ha perciò aperto il sito www.wwworkers.it per raccogliere le tante storie come la sua che aveva scoperto (e gli avevano dato il coraggio di licenziarsi) e ha deciso di pubblicarne una cinquantina in un libro che contenesse anche una riflessione sui pro, i contro, le possibilità e i rischi di questo azzardo collettivo.

Fra le sorprese più belle di questa indagine, contro gli stereotipi per cui gli smanettoni del web sarebbero tutti giovani maschi: sono moltissime le donne, a pari merito con gli uomini. E sono moltissimi gli over 50.

Se pensi «tanto l’Italia non ha speranza».

Se pensi «tanto la laurea in Comunicazione non serve a nulla».

Se pensi «mi piacerebbe lavorare col web, ma non so come fare».

Se sei sfiduciato/a, demotivato/a… leggi Wwworkers: i nuovi lavoratori della rete o almeno studiati con attenzione www.wwworkers.it.

Ti tornerà la carica e ti verranno buone idee. 🙂