The Facebook effect: tutti i retroscena dell’azienda che ha cambiato la rete

Nell’ambito degli incontri formativi Academy, organizzati periodicamente da Altratv.tv per la rete delle micro web tv italiane, il 13 luglio è andata on line una riflessione-conversazione su Facebook fra David Kirkpatrick, Giampaolo Colletti e me.

David Kirkpatrick è un brillante giornalista statunitense, che è stato senior editor di Fortune, ha scritto di Apple, IBM, Intel, Microsoft e partecipa spesso a trasmissioni televisive, radiofoniche e sul web come esperto di nuove tecnologie e reti.

Nel 2010 ha pubblicato The Facebook Effect: the inside story of the company that is connecting the worldtradotto in italiano da Ilaria Katerinov e uscito in giugno da Hoepli, in cui racconta, con stile piacevole e fluido, i retroscena della storia di Facebook e di altri social network (QUI la recensione di Vincos).

La puntata dura mezz’ora e l’abbiamo registrata il 1 giugno scorso, in occasione del tour di Kirkpatrick per la presentazione della traduzione italiana del libro (per questo a un certo punto dico che gli utenti italiani di Fb sono 19 milioni, mentre ora sono già quasi 20 milioni). QUI anche un’intervista a Kirkpatrick su Repubblica.

Anche se molti lo confondono, il libro non è quello da cui è stato tratto il film The Social Network, ma è molto meglio perché racconta, come dice la fascetta della traduzione italiana, «Tutto quello che il film The Social Network non vi ha detto».

Vodpod videos no longer available.

5 risposte a “The Facebook effect: tutti i retroscena dell’azienda che ha cambiato la rete

  1. FB è il nascodiglio degli impotenti. Prima ve ne liberate e meglio sarà per voi. E scusate i toni apocalittici.

  2. ehm, in italiano lo stile “piacevole e fluido” sarà piuttosto merito del traduttore o della traduttrice… che a norma di legge andrebbe citato/a. Grazie
    (una traduttrice)

  3. Hai ragione Luisa, chiedo venia. Il traduttore è il grande Paolo Maria Noseda, traduttore di moltissime conferenze e trasmissione televisive (forse la più nota è Che tempo che fa di Fabio Fazio per la regia di Duccio Forzano).

    In Italia accompagna premi nobel e star americane. Nella prima categoria mi piace ricordare le sue traduzioni dei discorsi di Al Gore durante il suo ultimo tour italiano, focalizzato soprattutto sulla controversa situazione che ha coinvolto Current e Sky Italia.

    Grazie e saluti
    Giampaolo Colletti

  4. Giampaolo, credo che Luisa si riferisse al traduttore del libro, non all’interprete durante la diretta. In ogni caso hai fatto benissimo a specificare anche il bravissimo interprete.

    La traduzione del libro è invece di Ilaria Katerinov, mi scuso per non averlo precisato. Ora lo aggiungo anche nell’articolo. Grazie Luisa e grazie Giampaolo!

  5. Giampaolo, Giovanna, grazie molte. Quella dei traduttori e interpreti è una categoria spesso ignorata, e fa piacere che, per una volta, una segnalazione venga accolta con tanta cortesia🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...