Il «Dialogo con il cittadino» di Governo.it e… nonno Mario

Da qualche giorno su Governo.it c’è la sezione «Dialogo con il cittadino». Motivo: «In poco più di due mesi dal suo insediamento, sono giunte al sito del governo circa 2 mila mail rivolte al Presidente del Consiglio». Perciò il governo ha deciso di fare questo:

A tutte le domande stiamo dando, con l’aiuto di esperti e tecnici di settore, una risposta adeguata. In questa sezione sono pubblicati alcuni quesiti e le relative risposte. Per facilitare la consultazione sono stati raggruppati per aree tematiche e i temi trattati riassunti in un report statistico.
Delle mail più significative proponiamo alcuni estratti. Per tutti coloro che vogliono partecipare all’iniziativa è disponibile il modulo.

Dialogo con il cittadino

Insomma il governo ha aperto sul web una sezione di FAQ (Frequently Asked Questions), dove ha pubblicato, organizzate per temi, alcune risposte alle domande più frequenti. E promette che presto tutti potranno esprimere la loro opinione con «strumenti di partecipazione telematica».

Mi aspettavo che «il popolo della rete» – che di rete dovrebbe intendersene – reagisse in modo interessante all’iniziativa. Cioè che qualcuno criticasse gli evidenti limiti dell’operazione (sono solo FAQ!), ma dicesse pure che non c’è nulla di simile, per esempio, né sul portale del governo tedesco, né su quello del governo francese, che saranno pure i primi della classe ma la sezione «Dialogo con il cittadino» non ce l’hanno e dunque «bravo Monti, insisti che puoi fare di meglio».

Mi aspettavo che qualcuno indicasse a Monti come la White House interagisce coi cittadini su internet – tanto per guardare a chi fa meglio: su Facebook per esempio, o attraverso la sezione interattiva del sito della White House, dove si raccolgono petizioni e, quando una raggiunge almeno 25.000 firme, non solo ottiene una risposta ufficiale sul sito, ma è inoltrata ai settori amministrativi che possono darle un seguito pratico.

Mi aspettavo che qualcuno dicesse a Monti: prendete tre persone che ne sappiano di comunicazione politica on-line e fate anche voi qualcosa di simile alla White House, evitandone gli errori (li fanno pure loro) e adattandolo alla realtà italiana. Lo faccia, caro Monti, perché aver ricevuto solo l’8% di mail critiche (come dicono le sue statistiche) è davvero un successo – specie considerando che su internet insultare è facile – mentre quel 25% di persone che mandano proposte indica viceversa una voglia di partecipazione che sarebbe un peccato sprecare, a fini non solo comunicativi, ma politici.

Invece finora ho letto solo un po’ di critiche perché su Governo.it appare solo una piccolissima selezione di mail, tutte positive, ma niente di quell’8% negativo. In particolare, poi, a molti dà fastidio lo stralcio con «nonno Mario»:

«…Lisa, una bambina di due anni e mezzo, alla domanda “che cosa hai visto in TV?”, risponde “Ho visto il nonno Mario, quello che dice le cose giuste per il futuro…” Firmato “una coordinatrice pedagogica di una cooperativa sociale”»

Vabbe’, nonno Mario è una sciocchezza che potevano evitarsi. Come ce ne sono mille, nella mediocrità della comunicazione politica italiana, a destra e a sinistra. Ma possibile che gli unici commenti che ho letto in rete siano del tipo: «Mi ricorda quello che faceva Berlusconi» o «Se una cosa del genere l’avesse fatta B, gli sarebbero tutti saltati addosso»? Ancora con Berlusconi in testa. Ma vogliamo guardare avanti?

PS: questo articolo appare oggi anche sul Fatto Quotidiano.

5 risposte a “Il «Dialogo con il cittadino» di Governo.it e… nonno Mario

  1. Onestamente non mi sarebbe mai venuto in mente di andare a vedere governo.it. Però devo ammettere che nel generale deserto della PA questa iniziativa è da 10 e lode, anche se ci sono margini di miglioramento evidenti. Ci farò un salto appena possibile.

  2. icittadiniprimaditutto

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  3. Imu seconda casa.mio figlio disoccupato vive in una casa di mia proprietà, fino l’altro anno non pagavo ICI, ora con l’attuale governo pago l’imu come fosse seconda casa, non mi pare corretto.

  4. Si consoli, pensando a persone come me che pur non essendo proprietari (sono in affitto in una cooperativa a proprietà indivisa),pagheranno l’IMU con aliquota di seconda casa.Tutto ciò è passato sotto silenzio anche dei media.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...