Archivi del mese: marzo 2013

L’amore dura più di tre anni. Se ti laurei in Comunicazione

Addicted to the words

Mi scrive Lavinia, che si è laureata con me in Scienze della comunicazione nel 2007 e, dopo una specialistica a Parma, oggi lavora come «felice copywriter digital» (parole sue) in una importante agenzia di Milano. Ebbene sì: non solo lavora, ma è al tal punto contenta di ciò che fa da paragonare il suo stato a una passione amorosa. Nonostante la crisi economica. Nonostante la laurea in comunicazione. Nonostante la crisi della pubblicità. Leggi con attenzione la sua storia. Studia. Impegnati. E non scoraggiarti mai: Continua a leggere

La lingua batte su Radio 3

La lingua batte, Radio 3

Sabato pomeriggio, ospite di Radio 3 a “Libri come”, ho partecipato alla trasmissione “La lingua batte”, intervistata da Giuseppe Antonelli su “Le parole delle politica” assieme al giornalista di Repubblica Filippo Ceccarelli, dopo una breve gag di Dario Vergassola. Ecco l’audio (dura una ventina di minuti), il rumore in sottofondo dipende dal fatto che eravamo in diretta dall’Auditorium Parco della Musica di Roma: “La lingua batte” del 16 marzo 2013, Le parole sono importanti.

Sono a “Libri come”, il Festival del Libro e della Lettura di Roma

Libri come

L’anno scorso, di questi tempi, presentavo SpotPolitik. Quest’anno, fra le varie cose (lezioni, interviste: faccio cose e vedo gggente), domani alle 12.00 partecipo a questa tavola rotonda: 🙂 Continua a leggere

Papa Francesco e l’autosuggestione collettiva

Abbiamo a tal punto bisogno di cambiamenti nel panorama del potere, abbiamo a tal punto bisogno di figure di riferimento che combinino il carisma alla capacità di ascolto, che ci basta sentire la morbidezza di un accento latinoamericano, appena il papa neoeletto si affaccia al balcone, perché qualcosa si sciolga dentro. A tutti: credenti e non credenti, cattolici e laici, praticanti e non. Argentino, dunque non tedesco: e via d’un colpo Ratzinger e Angela Merkel. Argentino, dunque non italiano: e via gli intrighi delle caste nostrane. Completa il quadro un sorriso rotondo, che Continua a leggere

Grillo e Pd a colpi di sondaggi, parole forti e identità evanescenti

Lunedì sera ho partecipato, con Roberto Biorcio e Paolo Natale, a #qualcosadisinistra su Radio Popolare, una trasmissione che va anche in video streaming e poi resta sul canale YouTube dell’emittente. Si è chiacchierato dell’attuale situazione politica di stallo, fra Pd, Movimento 5 Stelle e altri. Questa è la seconda parte, in cui ero collegata con Radio Popolare dal mio studio via Skype. Fra l’altro, grazie a M5S l’estetica nasone-faccione-taglio-di-sbieco (tipica di Skype) in questo periodo va pure di moda. 🙂 Continua a leggere

La donna oggettino

Le immagini pubblicitarie che riducono la figura femminile a miniatura gingillosa, soprammobile tanto bellino quanto inutile sono molte. Ed esistono da talmente tanto tempo che ci appaiono normali, non ci facciamo più caso. Certo non possiamo denunciarle all’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria, perché non sono volgari né offensive. E non possiamo nemmeno lamentarcene troppo, perché: esagerata, i problemi sono altri, il neofemminismo ti ha dato alla testa. Però sai che c’è? Io sono stufa. Altro che donna oggetto: è donna oggettino. Guarda qua: Continua a leggere

Elezioni 2013: il M5S è “interclassista”?

Da ormai quasi vent’anni il marketing più accorto ha smesso di basarsi solo su criteri socio-demografici per individuare il target di prodotti, servizi, marchi (età, provenienza geografica, livello di istruzione, tipo di lavoro, censo), per costruire criteri basati sui valori e i significati che le persone attribuiscono a prodotti, servizi, marchi, le emozioni che provano, gli stili di vita che conducono. Criteri trasversali e indipendenti rispetto a quelli socio-demografici. La stessa cosa fanno da tempo, negli Stati Uniti e in Europa, molti studi politologici. Da noi invece no. Da noi si tende ancora ad analizzare i comportamenti di voto in termini socio-demografici. (Clic per ingrandire.)

Il voto 2013 per categoria socio-professionale

Continua a leggere