Stage non pagati in UK. Il loro governo cerca di rimediare, il nostro invece?

Stage gratuito

Mi segnala Daniela, studentessa in Scienze della comunicazione, un articolo di ieri sul Guardian, in cui si parla dello scandalo dei tirocini post laurea non pagati – illegali in UK come da noi – che impediscono ai giovani meno abbienti – quelli che non possono rivolgersi alla Banca di Mamma e Papà, come dice l’articolo – di svolgere i tirocini necessari a inserirsi in professioni qualificate nel settore della giurisprudenza, dei media, della politica (sic), tirocini che spesso – per giunta – sona Londra, città molto cara.

Si calcola che in Inghilterra un terzo (altre stime dicono metà) dei tirocini post laurea siano gratuiti, con la complicità degli/delle stessi/e tirocinanti, che temono di perdere, se denunciano il fenomeno, il possibile (ma non sempre probabile) inserimento in azienda. La situazione degli stagisti italiani non è dunque solo italiana, purtroppo. Mal comune, però, non è mai mezzo gaudio, specie se si considera che qualcuno, nel governo britannico, si sta preoccupando della cosa. In Italia invece? Leggi per intero l’articolo del Guardian.

7 risposte a “Stage non pagati in UK. Il loro governo cerca di rimediare, il nostro invece?

  1. L’ha ribloggato su Parti di lui.

  2. (polemica on)
    Ma da noi, si sa, il problema è l’articolo 18. Lo sanno tutti.
    (polemica off)

  3. Prima di dare giudizi è bene capire. Il post che leggo testuale: …. che temono di perdere, se denunciano il fenomeno …. Cosa vuole dire? In UK è legale far lavorare i giovani fino a 26 anni con accordi tra le parti a partire dal compenso 0. A chi si denuncia il fenomeno illegale che non esiste? Non ci sono tasse o contributi o INAIL. Il datore di lavoro scarica dalle tasse i denari dati al giovane che firma una semplice ricevuta. Ora, che il Guardan e i Labour sostengano che la cosa è scandalosa e che in questo caso i tirocini se li possono permettere solo i ricchi è legittimo e assolutamente condivisibile ed è auspicabile una legge di dimensioni europea. Sia chiaro però che ora in UK non è illegale. Per contro il sistema permette ai giovani di lavorare a basso reddito ovunque dai pub alle pizzerie o da fotografi e agenzie. A molti sembrerà un abominio, ma non mi pare che i giovani la pensino così, anzi sono ben contenti di poter lavorare durante gli studi per prendere qualche pounds. Conosco giovani che lavorano per 10 £ ora netti senza trattenute e costi per l’impresa (sono circa 13 €) per 8 ore di lavoro 5 gg alla settimana fanno circa 400 £ al mese. Con 1.200 £ a Londra fai la fame nera, ma al nord campi decentemente. Se il lavoro giovanile si regolamentasse come vorrebbero i Labour questo cesserebbe e accadrebbe ciò che oggi capita da noi: lavoro nero o niente lavoro a giovani in particolare se debbono imparare. A bocce ferme e conoscendo parecchi giovani inglesi e stranieri che studiano e lavorano in UK vedo che il “non sistema” attuale dia molte possibilità soprattutto ai giovani per 2 ragioni che in Italia ci soniamo:
    1- Lo Student Loans viene concesso a tutti i cittadini europei, e fino a 2 anni fa finanziava interamente il costo del tutoring, poi i conservatori lo hanno portato al limite di 6.000 € anno questo significa che finanzia solo le università meno care, nei Royal College o alla Saint Martin si paga anche il doppio per non parlare di Cambridge o Oxford. Il finanziamento viene concesso solo per i primi 3 anni e deve essere restituito con interessi inferiori al’1% con molto, molto comodo. Lo student loans non viene erogato per laure magistrali o master. Però per i soli inglesi viene dato dal governo anche un prestito di 500 £ al mese per vitto e alloggio. Ovviamente le regole valgono per tutto il territorio UK e ovviamente sono insufficienti per Londra mentre vanno bene per Liverpool. Mi pare che al confronto dell’Italia, questo faccia dell’Inghilterra un paese superdemocratico.
    2- Per i successivi 2 anni o master e perfezionamenti vari compreso lo stage intervengono le banche. Quello che qui viene ridicolmente chiamato “prestito d’onore” in UK è la norma anche per chi non ha un penny e nessuna garanzia, compreso gli italiani. Un ragazzo bolognese di 25 anni che studia al Royal College of Art a Londra ha ottenuto un prestito di 24.000 £ per 2 anni. La banca però li vuole indietro con un preciso schema. Lo fa l’Unicredit o banca Intesa?
    Lo stage o altri percorsi formativi debbono essere inseriti nel contesto di cui sopra altrimenti perdiamo il giusto punto di vista.
    Tornado a noi sono certo che una normativa che obblighi l’impresa ad andare oltre i 400 € mensili attuali penalizzi i giovani, perché succede già. Infatti prima erano le parti che stabilivano il cosiddetto rimborso spese che a volte era anche 0. Questo però favoriva i giovani che vivevano ancora in famiglia praticavano stage nella città di residenza, sia poveri che ricchi. Oggi la livella dei 400 € mette tutti sullo stesso piano, ma di fatti favorisce ancora i ricchi e i residenti, non certo i poveri che da Prato o Catania voglio svolgere praticantato a Milano. Allora torniamo alla discussione che da anni facciamo su questo Blog, cioè cercare di determinare quale sia l’interesse del giovane e dell’impresa: interessi comuni? Di parte? Pagati quanto? Di una cosa sono certo, in questa Italia, badate ho detto questa, ulteriori regole al rialzo salariale e contributivo penalizzeranno i giovani, in particolare i meno abbienti. Attenti però, la proposta di portare il retribuito a max 4 settimane ha a che fare con la selezione più che con il tirocinio, cosa s’impara in 4 settimane partendo dal fatto che all’università non gli anno insegnato nulla che possa essere utilizzato al volo nel mondo del lavoro?

  4. In Italia siamo eterni tirocinanti ha detto qualche giorno fa un’amica.

  5. Pingback: Soggetto per una storia che ho atteso troppo tempo per narrare – 1 di 2 | Suprasaturalanx

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...