Archivi del mese: gennaio 2015

La pubblicità italiana è sessista? (Again)

Zabov

Due giorni fa è uscito su D di Repubblica un articolo di Brunella Gasperini, a commento della ricerca condotta dall’Art Directors Club Italiano (Adci), da Nielsen Italia e da un gruppo di lavoro da me coordinato presso il Dipartimento di Filosofia e Comunicazione dell’Università di Bologna (la trovi qui: Come la pubblicità racconta le donne e gli uomini in Italia: la ricerca). Lo riporto anche qui: Continua a leggere

Bonino: “Il Quirinale? Non sono handicappata. Per far politica non bisogna per forza essere giovani e forti”

 Emma-Bonino

La frase è sfuggita a Emma Bonino durante un’intervista a Radio Radicale nei giorni scorsi, in cui ha lasciato intendere di essere aperta a un’eventuale candidatura al Quirinale, facendo riferimento alle sue dichiarazioni pubbliche sul tumore che l’ha colpita e puntando il dito contro i pregiudizi, assai diffusi nella nostra società, verso chi non è giovane e sano. Mi esprime le sue perplessità in proposito Simona Lancioni, del Coordinamento del Gruppo donne UILDM: Continua a leggere

This Girl Can, la campagna UK per invogliare le donne a fare sport

This Girl Can

Una quindicina di giorni fa è andato online – ed è subito diventato virale – lo spot “This Girl Can”, nell’ambito della campagna che Sport England ha lanciato per invogliare le donne del Regno Unito a muoversi, scuotersi, dimenarsi, sudare, senza preoccuparsi delle apparenze, del look, del fatto che sudando e faticando possano apparire meno belle, ma soprattutto senza curarsi del corpo che hanno: grasso o magro, con cellulite o meno, chissenefrega. Ecco in proposito lo scambio di mail che ho avuto con Claudia (nome di fantasia): Continua a leggere

A volte basta poco, a 27 anni, per farsi coraggio e… partire, andarsene. Via dall’Italia

Ragazza con la valigia

Alcuni mesi fa, per la precisione la sera del 9 luglio 2014, ho ricevuto questa mail da Anna (nome di fantasia): «Professoressa Cosenza, buonasera. Sono una studentessa iscritta a una magistrale in Lettere classiche, ma esterna all’ateneo bolognese. Faccio capo all’ateneo XY, e non è per questioni burocratiche che intendo consultarla. Provo solo a chiederle un parere circa una questione “umana”, in qualità di chi apprende rispetto a chi ha più esperienza. Continua a leggere

Videostorytelling. A Bologna focus sulle storie in rete

Teletopi logo

Comincia a Bologna il viaggio nei più bei progetti di videostorytelling italiani promosso dal contest Teletopi. Così l’edizione 2015 dello storico riconoscimento dedicato alle web tv italiane cambia pelle e rivolge la sua attenzione alle migliori esperienze di videonarrazione in rete. Domani, venerdì 23 gennaio, dalle ore 10 nell’aula A del Dipartimento di Filosofia e Comunicazione dell’Università di Bologna (via Azzo Gardino 23), Continua a leggere

Politici e media: sempre più lontani dai problemi di massa

Rassegna stampa

Per capire quanto il dibattito politico-mediatico italiano sia ormai lontano (irrimediabilmente?) dalla quotidianità reale, dura, problematica delle masse di elettori e elettrici che dovrebbero votarli e seguirli – un sottoinsieme di loro sarebbero anche (non dimentichiamolo) lettori e lettrici di giornali, spettatori e spettatrici di programmi tv – basta dare un’occhiata alle prime pagine dei giornali. Utilissimo, a questo proposito, è il servizio de Il Post, che ogni giorno mette in sequenza le immagini delle prime pagine. Disoccupazione a livelli altissimi? Povertà in crescita? Conflitti sociali sempre più drammatici? Coppie senza figli perché non possono permetterseli? Welfare assente? Scuole e università disastrate? Nooo. I giornali e i politici se ne fregano. Continua a leggere

Lavorare in USA: stipendi, ferie, clausole contrattuali e altri miti

Lavorare_in_USA

Trovo sul blog Vivere in Usa, che ieri ho segnalato fra quelli che possono darti una mano se desideri lavorare all’estero, una interessante lista di miti da sfatare sulle condizioni di lavoro negli Stati Uniti. Eccola: Continua a leggere