Ebay e gli stereotipi di genere

Televendita di Ebay

Segnala Antonino nel gruppo Facebook degli studenti di Scienze della comunicazione di Bologna la telepromozione di Ebay, definito “il centro commerciale più grande d’Italia”. Gli stereotipi di genere piovono a catinelle. Ne elenco alcuni:

  1. Lui, con la faccia seria di uno che sa le cose e non sbaglia, spiega a lei (lui up, lei down dunque) come funziona il sito di e-commerce; lei reagisce cinguettando incredula, con movenze e faccette che esprimono emozioni esagerate: troppa allegria per niente, troppo stupore per poco, e così via (è la “donna emotiva” di cui parla la ricerca che abbiamo fatto con Adci).
  2. Lei va subito in visibilio per ciò che riguarda la casa: «E c’è anche tutto per la casa!»; lui, con più compostezza, mostra interesse per il giardinaggio ma, soprattutto, per la tecnologia («La mia passione»). Una strada spianata per il digital divide.
  3. Finché arriva la domanda di lei: «E la moda?». Al che lui, con aria rassegnata, le cede il tablet: «Ecco qua» (come per dire e ora chi la ferma dagli acquisti compulsivi?). Alla fine infatti, come volevasi dimostrare, lei si attacca a Ebay per fare shopping, eccetera eccetera.

Dimentico qualcosa?

6 risposte a “Ebay e gli stereotipi di genere

  1. Posso esprimermi in francese? Una parola di cinque lettere.

  2. Anche a me ha stupito molto questa campagna, poi mi sono venuti in mente i copy tv di Zalando e Dalani ad esempio e ho notato che entrambi sfruttano (forse con un trattamento un po’ meno bulgaro e un po’ più ironico) gli stessi stereotipi.


    Mi chiedo se l’obiettivo non sia proprio mirare alla pancia del paese, ancora così lontano dalle opportunità digitali e così affetto dal digital divide.

    Spiace perché nutro sempre la speranza che una realtà nativa digitale, come il primo ecommerce in assoluto quale eBay o imprese di successo come Zalando e Dalani, possano innovare anche dal punto di vista della comunicazione e linguaggio e, di conseguenza, sociale.

  3. Che poi per LUI giardinaggio non significa giardinaggio, ma barbecue, cioè cucina, ma da maschi: perché fare torte (con un kitchen mixer) è roba da femmine, cuocere maiali sulla brace è solo roba da uomini.

    Ma forse questa è ancora peggiore.

    Nel pallidissimo tentativo di rispettare la parità di genere (tentativo pallido quanto quello delle quote rosa) questi geni sdoppiano la comunicazione, dividendola per genere (chi presenta il prodotto a chi: UOMO -> DONNA; DONNA -> UOMO) e riuscendo nel non facile tentativo di raddoppiare gli stereotipi.

    Perché, anche quando la donna sa qualcosa che l’uomo non sa, non ne esce meglio. Conosce EBAY solo per caso (gliel’avrà suggerito un’amica mentre facevano shopping? Di certo non è appassionata di tecnologia) e la prima cosa che compra è ovviamente un vestito (rosa).

    L’uomo non sapeva che Ebay vendesse anche e soprattutto roba nuova, ma recupera subito con il piglio di chi non sapeva per caso ma poteva sapere per ruolo, subito snocciolando i dati della campagna.

    E’ ovviamente anch’egli appassionato di tecnologia, e lo dimostra cercando subito un virilissimo avvitatore.

    Trova quello che cerca, ma questo non lo rende un “uomo emotivo”, anzi: la prima cosa che valuta è il professionalissimo servizio.

    Conclude le ricerche con l’orologio da uomo classico ed elegante (mica colorato e sbarazzino come il vestito di lei).

    La nota più amara di tutte? L’AD della società di comunicazione che ha realizzato lo spot, è una donna.

  4. “E che servizio!” commenta il marito nello spot linkato da Gianluca, mentre lei appoggia sul tavolo il piatto di pasticcini.

  5. Una carrellata di banalità sessiste che più deprimente non si può davvero. La pubblicità di Ebay mi perseguita da giorni via video-ad su Youtube. Quelle di Zalando le ho viste passare tante volte in televisione, ma non smettono mai di offendermi, soprattutto la prima – ma vedo che Ebay sa tenere il passo.

  6. La divisione di genere nella espressione delle emozioni e delle incombenze è quanto di più datato ci offrano la analisi e la letteratura sociologica.Probabilmente funziona ancora nell’ambito degli acquisti,nel mercato degli oggetti specifici quali profumi,lingerie,decorazione ed abbigliamento,eccetera,e nei settori culturali di genere quali le telenovelas e la letturaturatura edulcorata e romantica delle buone maniere e del bon ton.E’ certo che tale suddivisione di comportamenti e atteggiamenti viene ancora praticata da uomini e donne di età anziana e di insufficiente scolarizzazione.Le ragazzine seguono questa tradizione divisoria soltanto sino ai 13 o 14 anni,successivamente noto che sebbene con qualche distinzione visibile i comportamenti e le modalità di ragionamento e di capacità operativa tra giovani di ambo i sessi risultano più omogenei e simili sia nell’esprimere i gusti sia i giudizi.Anche la responsabilità di fronte alle scelte è la medesima.Certo la ragazza è più dolce e sfumata,non prende di petto le situazioni,ma quanto a determinazione di perseguire gli scopi è altrettanto energica ,se non di maggiore perseveranza.Che dire,quindi? Indubbiamente i pubblicitari svolgono un lavoro esemplare,le immagini e le didascalie della pubblicità sono eloquenti…ma secondo me elicitano soltanto dei ricordi e delle nostalgie.Non so se su e.bay si vada perché attratti da quei messaggi o simboli o perchè,come ritengo,sia più economico acquistare da questo come da altri siti,risparmiando soldi utilizzabili per altre compere.Ritengo,pertanto,che quando ci sarà il negozio digitale anche per la spesa quotidiana ,attenderemo il fattorino a casa oppure ce la faremo portare in una grande sala tipo bingo dove sorseggiando un tè aspetteremo la spesa socializzando e leggendo i quotidiani.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...