Proposte di lavoro indecenti: 5 euro netti all’ora per laureati/e in Comunicazione con esperienza

Servizio Civile Internazionale cerca referente comunicazione

Mi scrive Luisa (nome di fantasia): «Cara prof, sono una sua ex-studentessa (laureata in Comunicazione nel 2005). Trovo molto interessante quello che scrive sul suo blog, e soprattutto mi appassiona tutto ciò che riguarda il mondo lavorativo dei cosiddetti “comunicatori”: al di là dell’interesse personale, alcune situazioni assurde non possono che far nascere un autentico interesse antropologico. Oggi, per esempio, mi è arrivata una mail che pubblicizzava questa “imperdibile” occasione:
http://www.comunicazionelavoro.com/servizio-civile-internazionale-cerca-referente-comunicazione

In pratica chiedono un/a laureato/a – con quel po’ po’ di esperienza che è elencata (fa’ doppio clic sull’immagine sopra o leggi l’originale per credere) – per pagarlo 7,18 euro l’ora lordi (diciamo 5 euro l’ora netti, per essere ottimisti?). È la metà di quello che prende una baby sitter o una collaboratrice domestica. Con questa cifra, anche lavorando 40 ore a settimana, un/a comunicatore/comunicatrice specializzato/a al massimo può guadagnare 800 euro al mese netti circa. E qui non si parla di stage ma proprio di rapporto di lavoro. Potrei dilungarmi oltre, ma non penso ci sia da aggiungere altro. Mi piacerebbe che questo tipo di offerte lavorative irricevibili non passassero inosservate. Non vorrei che qualcuno, a partire da chi le propone, pensasse che è normale e decente pubblicizzare offerte di questo genere. Mi piacerebbe sapere cosa ne pensa lei prof. Grazie e buon proseguimento, Luisa»

Cara Luisa, sono completamente d’accordo con te. E sono ancora più arrabbiata e scandalizzata per il fatto che l’offerta provenga dal Servizio Civile Internazionale. Penso che nessuno/a dovrebbe accettare proposte indecenti come questa, a  maggior ragione perché l’esperienze richiesta è qualificata e le attività che si andranno a svolgere non sono affatto semplici. Penso inoltre che dovremmo fare qualcosa tutti assieme, in rete e fuori, per denunciare e stigmatizzare casi come questi. Qualche giornalista ci può aiutare?

9 risposte a “Proposte di lavoro indecenti: 5 euro netti all’ora per laureati/e in Comunicazione con esperienza

  1. Addirittura richiedono iscrizione all’albo dei giornalisti, che presuppone di per se un processo lungo (almeno due anni) e dispensioso…. ridicolo.

  2. Una vergogna, un manifesto della mancanza di rispetto della dignità del lavoro.

  3. le vecchie care manifestazioni di piazza-pacifiche-non usano piu?

  4. Laura in scienze della comunicazione o scienze sociali? Ma sono equivalenti? sono andata a verificare giusto per essere sicura e come pensavo non sono per nulla la stessa cosa, eppure come spesso accade si pensa di “comunicazione” se ne possano occupare tutti, nella mia esperienza di consulente per aziende la maggior parte delle volte gli uffici comunicazione sono pieni di laureati in ingegneria o economia, e infatti poi hanno bisogno di agenzie che li supportino perhè non hanno idea di come si scriva un piano di comunicazione. lo trovo imbarazzante come la richiesta qui sopra che include anche “editing video” oltre a 100 altre cose. va bene essere flessibili e disponibili, ma credo ci sia un limite! Bisogna iniziare a piantare dei paletti.

  5. Da una vita, purtroppo, verifico che spesso le realtà che dovrebbero essere quelle eticamente più ineccepibili, sfruttano allegramente. Io non ho risposto a quell’annuncio di lavoro perché trasferirsi a Roma per 550 euro al mese con un contratto part time, anche volendosi far sfruttare, è impossibile. Ci paghi forse l’affitto.

  6. Elisa, a Roma con 550 euro al mese ci paghi, se va bene, un letto in una doppia o tripla, spese escluse.

  7. Pingback: Lavoro in comunicazione? Sì, per 5 euro all’ora | Comunicando.zero

  8. Mi sono permessa di segnalare il post al presidente dell’Ordine dei giornalisti, Iacopino, che ha appena pubblicato la notizia su Facebook

  9. a me hanno offerto 5 euro per stare dietro ad un utente autistico il doppio del mio peso senza un altro operatore di supporto, dovevo fare 40 km andare e 40 a tornare ovviamente la benzina non era inclusa “perché negli stipendi la benzina mica si calcola, eh!!”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...