Archivi del mese: febbraio 2016

Perché non mi piace la campagna #WomenNotObjects

#WomenNotObjects

Da un paio di settimane quasi ogni giorno qualcuno mi chiede cosa penso della campagna #WomenNotObjects, lanciata da Madonna Badger, advertising executive che vive e lavora a New York. Non mi piace, ecco cosa ne penso. Per queste ragioni: Continua a leggere

Giocattoli: Natalia, Gamora, Rey, dove siete? Perché mancano le action figures femminili?

Black-Widow

Propongo oggi una riflessione pubblicata su Arte Rivista, e firmata da Flavia Irene Gatti, alla quale ho rilasciato una breve intervista. La domanda che Flavia si (e mi) pone è: il cinema propone spesso – e negli ultimi anni con frequenza maggiore – supereroine donne, dotate di forza fisica, grande intelligenza e superpoteri. Perché l’industria dei giocattoli non riproduce le action figures delle supereoine, ma insiste sempre e solo sui supereroi maschi? Continua a leggere

La nuova Barbie: viva la diversità. Saranno capaci di andare oltre?

The evolution of Barbie

Che Barbie stesse cambiando l’avevamo già notato cinque anni fa. Un po’ alla volta, quasi con timore, Mattel è arrivata a valorizzare la diversità nei corpi femminili (alti, bassi, rotondi, magri), nel colore della pelle (bianca, bianchissima, nera, nerissima), nel tipo e colore di capelli (ricci, lisci, lunghi, corti, neri, rossi, biondi), nei lineamenti del viso (occhi grandi e piccoli, occidentali e orientali, bocche carnose e non, zigomi alti e non). Bene. Finalmente. Ce l’hanno fatta. Il prossimo passo dovrebbe Continua a leggere

D’accordo con Michela Murgia: non chiamatela maternità surrogata

Gravidanza

Solo ieri ho letto su L’Espresso – non avevo seguito i post su Facebook – quanto Michela Murgia ha scritto sulla cosiddetta “maternità surrogata”: è la riflessione più intelligente, articolata, ponderata che io fin qui abbia letto su questo argomento. Concordo con ogni sua parola, incertezze incluse. Trovo inoltre profondamente umano e rispettoso, da parte sua, ribadire «questo è un tema su cui non ho certezze». D’ora in poi, con lei, parlerò solo di gravidanza surrogata, mai più di “maternità surrogata”. Assieme a lei, infatti, trovo profondamente sbagliato «l’uso dell’espressione “maternità surrogata”, collegata all’insistenza su una sorta di naturalità cogente insita nel legame di gestazione, definito con una certa enfasi “percorso di vita” e “avventura umana straordinaria”». Nelle parole di Murgia (i grassetti sono miei): Continua a leggere

Un tirocinio extracurricolare nel settore del web marketing

web_marketing
Mi arriva da Beweb digital marketing un’offerta interessante di tirocinio extracurricolare (dunque con indennità mensile) nel settore del web marketing, che qui di seguito pubblico: Continua a leggere