Archivi categoria: nuovi media

Muratore o muratrice? Allenatore o allenatrice? Perché l’uso del femminile per le professioni svolte da donne dà ancora fastidio?

Emma, muratrice

Quindici anni fa – lo ammetto – se qualcuno insisteva nel proporre l’uso del genere grammaticale femminile nel caso di parole riferite alle donne, laddove la maggioranza usava il maschile per indicare genericamente uomini e donne, consideravo l’insistenza un’esagerazione, una forma di pedanteria, un’attenzione petulante per dettagli in fondo poco rilevanti, visto che i problemi delle donne “sono ben altri”, pensavo, secondo il noto ritornello del più bieco benaltrismo. Quindici anni fa. Sbagliavo. Dal 2007, poi, anche grazie alla diffusione in rete di molte informazioni e riflessioni sulla mancanza di parità di genere in Italia, sono nati Continua a leggere

AlmaContest 2017: concorso per la progettazione di applicazioni mobili per l’orientamento agli studi universitari

almacontest_2017_logo

Nell’ambito delle attività di AlmaOrienta 2017, l’Università di Bologna ha aperto un concorso di idee rivolto a tutta la comunità delle sue studentesse e dei suoi studenti, per individuare nuovi strumenti digitali mobili di supporto all’orientamento dei potenziali iscritti all’Alma Mater. L’idea è avvicinarsi alle pratiche digitali dei ragazzi e delle ragazze degli ultimi anni delle scuole secondarie di secondo grado, che abbiano bisogno di orientarsi nell’offerta formativa universitaria per decidere dove iscriversi. Sono previste due categorie di progetti: Continua a leggere

Un tirocinio curricolare (con rimborso spese) come Social Media Manager

fitel_er_

FITeL, Federazione Italiana tempo libero, promuove lo sviluppo delle attività culturali, artistiche, sportive e del turismo sociale, valorizzando le esperienze associative dei circoli ricreativi aziendali e di altri enti che abbiano come obiettivo la promozione delle attività del tempo libero e della solidarietà. FITeL Emilia-Romagna cerca un/a tirocinante curricolare che studi Scienze della comunicazione o affini, per collaborare a queste attività: Continua a leggere

Perché ho firmato l’appello #BastaBufale lanciato da Laura Boldrini

bastabufale-logo

Dopo le riflessioni d’inizio anno su bufale, post-verità e fake news, della questione si è continuato a parlare, in rete e fuori. Posto che la considero ancora destinata a un’élite di persone che leggono certe testate giornalistiche, online e offline, guardano certi talk show televisivi, frequentano certi ambienti, parlano di certe cose, oggi ho firmato l’appello #BastaBufale lanciato dalla Presidente della Camera Laura Boldrini. Spiego perché l’ho fatto: Continua a leggere

Riflessioni d’inizio anno su bufale, post-verità, filtri bolla e… carrelli della spesa

filterbubble

Interrompo la pausa natalizia per fare alcune riflessioni su quanto abbiamo letto e sentito, nei giorni scorsi, a proposito di bufale e cosiddette post-verità, da un lato, e a proposito dei molti commenti che ho letto, sempre su questi temi, gironzolando sui social media. Aggiungo una nota a margine dell’ultimo post che ho scritto su Renzi che faceva la spesa col carrello. C’è un nesso fra queste cose? Secondo me sì, vediamo come. Continua a leggere

Un tirocinio extracurricolare (con rimborso spese) in una Web Agency

officina_creativa_-srl_logo

Dal 1997 Officina Creativa si occupa di Internet per l’impresa, il che oggi vuol dire, fra l’altro, attivazione di domini, servizi email, gestione web e realizzazione di siti Internet (oggi responsive), soluzioni di marketing digitale, campagne ADV. Dal 2002 lavorano in particolare nel settore dell’enogastronomia con i progetti Bresciaatavola.it e Romagnaatavola.it. Ecco cosa offrono:

Continua a leggere

Umberto Eco su Internet e i media digitali: un anticipatore lungimirante, altro che apocalittico

Eco in conferenza stampa all'Università di Torino

Quando Riccardo Chiaberge, direttore scientifico della serie Il libro dell’anno dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana Treccani, mi ha chiesto di scrivere un articolo su Umberto Eco per l’edizione del 2016, con particolare riguardo al suo rapporto con Internet e i media digitali, sono stata ben felice di potere offrire un’immagine il più possibile realistica di cosa davvero Eco pensasse in questo campo. In barba alle polemiche che, negli ultimi anni, lo dipingevano come un apocalittico, un retrogado, uno con la tendenza a demonizzare la rete e il digitale. Ecco il mio contributo a Treccani. Il libro dell’anno 2016, pp. 316-319: Continua a leggere