Archivi tag: burocrazia

Morire d’ansia a vent’anni. Per scadenze, moduli, prenotazoni. Ma che vita è?

Ansia

Quand’ero studentessa, la burocrazia era già pesante. Eccome lo era. Andavi allo sportello, dove un tizio più o meno imbronciato ti spiegava che fare, e lo capivi al volo – ma già lo sapevi, l’avevi messo in conto – che non ti sarebbe bastata una mattina, nooo, ti ci sarebbero voluti diversi giorni fra uffici, documenti, timbri. Perciò cominciavi subito, magari in compagnia di un’amica per rendere più piacevole la fila allo sportello, magari alternando le visite agli uffici con una capatina al bar e in biblioteca. Alla fine raccoglievi un discreto malloppo e con quello tornavi allo sportello iniziale, dove un altro tizio imbronciato Continua a leggere

Tasse, banche, burocrazia

Giugno e luglio: mesi di tasse. La mia banca – imprecazione – non ha aggiornato on line la sezione del modello F24 che riguardava l’Ici, perciò non posso pagare l’Imu via internet. Devo andare di persona, non ho tempo e mi riduco al giorno della scadenza, dieci minuti prima che la filiale chiuda. Vado – imprecazione – entro, arrivo allo sportello.

Impiegato: «Scusi, mi serve un documento di identificazione. Al terminale la sua carta d’identità risulta scaduta.»

Interno banca  IMU

Scaduta?-ma-che-giorno-è-che-anno, penso. Giugno-oddio-cinque-anni-il-rinnovo…

Sorrido. Sorride.

Gli allungo il documento sul bancone: «Prego.»

L’impiegato lo estrae dalla bustina di plastica, si alza, va verso la fotocopiatrice. Con gesti meticolosi lo appiattisce ben bene, lo sistema aderente a un angolo del vetro, abbassa il coperchio. Tru-uuu. Tru-uuu. Guarda fuori dalla finestra.

Poi alza il coperchio, capovolge il documento, lo spinge bello piatto verso lo stesso angolino e tru-uuu. Tru-uuu. Fischietta un motivo che non riconosco.

Torna al banco, ripone il documento nell’involucro trasparente e me lo riconsegna con un gran sorriso: «Ecco». Sorrido a mia volta, compilo velocemente l’F24, aspetto che lui registri il pagamento, ritiro la ricevuta, guadagno l’uscita.

Il documento era la mia carta d’identità. Quella scaduta, ovvio.

C’entra con la comunicazione? Eccome.