Archivi tag: Canale 5

OsservatorioTivvù: il live-tweeting su Kalispéra

In attesa di finire il lavoro di selezione dei numerosi cv arrivati (a proposito, grazie!) e di avviare la raccolta dati per OsservatorioTivvù, Dino Amenduni, che fa già parte del gruppo, ha fatto due esperimenti (il 16 e 23 dicembre) di live-tweeting su Kalispéra, la trasmissione condotta da Alfonso Signorini che va in onda su Canale 5 al venerdì sera in prima serata.

Kalispéra

Il live-tweeting non è tanto rilevante per la raccolta dati – giusto per spiegarlo ai molti che ce l’hanno chiesto – quanto per comunicare, strada facendo, che stiamo lavorando. Non è un metodo di osservazione né di ricerca, insomma, ma un pezzo della sua comunicazione.

Però osservare (io con Arianna Ciccone e altri giornalisti e blogger di Valigia Blu) il live-tweeting di Dino Amenduni, in diretta mentre la trasmissione andava, mi ha indotta a fare alcune considerazioni che possono essere utili anche alla ricerca.

La principale è che vedere una programma tv mentre si segue il live-tweeting di qualcuno, induce un distanziamento da ciò che si vede in televisione e dunque una sorta di raffreddamento emotivo. Il che può essere utile per favorire l’obiettività dello sguardo, ma può anche far perdere qualche effetto: lasciarsi andare alle emozioni che un programma televisivo vuol suscitare in noi serve fra l’altro a registrarne l’efficacia. Sapendola gestire, ovviamente.

In pratica:

  1. Leggere tweet come «Signorini: “Stasera ci aspetta il cenone di Natale”. La casa e il Natale, due simboli alla portata di tutti» e «Signorini: “La mia famiglia è smembrata, ma vorrei rivivere quell’atmosfera con voi [pubblico]” (altra scena familiare)», mentre si osserva la versione natalizia del salotto di Kalispéra, spezza l’atmosfera di intimità che la scenografia vorrebbe indurre.
  2. Leggere «Parole chiave dell’intervista di Signorini a Garko: Natale, periferia, racconto. L’inclusione sociale in tv», «Portare ‘gli esclusi’ sulla scena è un classico dell’infotainment. Permette al pubblico di immedesimarsi» e «Gabriel Garko ha portato il suo cane sulla scena. La ricerca dell’atmosfera casalinga è veramente totale», proprio durante l’intervista di Signorini a Gabriel Garko, non ci permette più di sentire quella vicinanza fra noi, Signorini, Garko e «gli esclusi» che l’intervista voleva farci sentire.
  3. Idem durante le canzoni: leggere un tweet come «E Albano va con il suo superclassico leggermente riarrangiato: quandooo il soooole sorgeràààà» proprio mentre Albano canta è distanziante rispetto alle associazioni mentali, ai ricordi e al coinvolgimento emotivo (positivo o negativo), che la canzone (come qualunque canzone pop, che la ami o la detesti non importa) può destare.

Un secondo punto, non meno rilevante, è il ruolo che il live-tweeting di OsservatorioTivvù può svolgere rispetto al fatto che Kalispéra (come altre trasmissioni) comunica in diretta cosa dicono e fanno i suoi fan su Twitter e Facebook. In pratica, può esercitare una funzione di controllo sull’attendibilità di ciò che in televisione si dice sui social media.

Esempi di tweet che Dino ha mandato con questa funzione:

  1. «Primo feedback della giornalista di Libero da Facebook e Twitter. Come sempre, va tutto benissimo.»
  2. «I feedback da Twitter sul programma sono minori e meno favorevoli di quelli su facebook.»
  3. «Dopo un’ora e mezza di programma, il web avrà occupato al massimo 45 secondi di diretta. Niente interazione social?»
  4. «Kalispera non è trending topic su Twitter, venerdì scorso lo era. Vedremo se il dato Auditel sarà coerente.»

Notevole che, proprio qualche minuto dopo il tweet in cui Dino osservava che Kalispéra non fosse ancora Trending Topic (TT) (mentre lo era stata la settimana prima), è magicamente apparso il TT. Casualità? Non so. È ovvio, in ogni caso, lo scollamento fra ciò che accade in rete e i dati Auditel, visto che i numeri di fan su Twitter e Facebook sono irrisori rispetto a quelli dei telespettatori: Kalispéra è stata finora un flop di audience, indipendentemente dalla messa in scena della sua vitalità nei social media.

Un’ultima considerazione. Potrà capitare – prevedo – che le nostre attività di live-tweeting siano menzionate nelle trasmissioni. Dovremo stare attenti a non farle strumentalizzare: né come segnale di consenso («Persino il Fatto quotidiano, di solito critico, ci apprezza e ci segue!», visto che Dino ha un blog lì), né come segnale di interesse da parte nostra nei confronti della trasmissione («Ci studiano!»).

Ma noi non siamo interessati a nessuna trasmissione in particolare: terremo sotto osservazione tutto l’infotainment delle reti generaliste e non solo qualche programma sporadico, per capire se, come e quando lì dentro accadano cose rilevanti per la comunicazione politica italiana.

PS: questo articolo oggi è apparso anche su Valigia Blu.

Il corpo delle donne 2: quello che i media non dicono

Dopo oltre una settimana di polemiche su «Il corpo delle donne 2» – il calco del documentario di Lorella Zanardo prodotto da Mediaset – è utile prenderci una pausa per ragionare su un tabù su cui i giornalisti di tutte le televisioni, tutti i giornali – e sottolineo tutti – non possono esercitare nessun tipo di giudizio critico, di cui non possono mai parlar male se non in modo generico e superficiale, ma soprattutto mai riferito alla testata per cui lavorano: la pubblicità.

Tutti i media – stampa, tv, radio e sempre più anche internet – vivono di pubblicità. Se c’è qualcosa di cui non possono parlare male, dunque, è ciò che permette la loro sopravvivenza. Se accusi una testata concorrente di usare pubblicità «cattiva» e di non essersi mai ribellata a questo, i giornalisti della testata concorrente non potranno mai ammettere che la loro pubblicità è «cattiva», ma potranno solo rispondere che anche tu lo fai, anche la tua pubblicità è «cattiva».

È questo il gioco infantile del «Cattivo!», «No, cattivo tu!» a cui abbiamo assistito la settimana scorsa. È per questo che le giornaliste e i giornalisti di Repubblica «non si sono mai ribellati» all’uso del corpo femminile sui giornali del loro gruppo editoriale, come finge di auspicare, in chiusura, «Il corpo delle donne 2», ben sapendo che mai potrebbero farlo: perché è un uso sempre ed esclusivamente pubblicitario quello denunciato da «Il corpo delle donne 2», che siano annunci stampa, redazionali, articoli costruiti per qualche accordo commerciale o copertine per vendere più copie.

Ma neanche i giornalisti di Mediaset, da cui è partito l’attacco, potrebbero mai ribellarsi a qualcosa che permette loro di prendere lo stipendio: possono criticare la pubblicità altrui, ma non la propria, per quanto identica a quella altrui.

Antonio Ricci, che ha realizzato «Il corpo delle donne 2», lo sa benissimo: per questo la sua operazione è stata furba, perché sapeva di scatenare un loop mediatico in cui nessuna risposta sarebbe stata diretta né esplicita e tutte sarebbero state perciò condannate all’inefficacia.

C’è un libro che spiega bene questi meccanismi e che ti consiglio di leggere attentamente: Adriano Zanacchi, Il libro nero della pubblicità. Potere e prepotenze della pubblicità sul mercato, sui media, sulla cultura, Iacobelli, Roma, 2010. Ecco cosa dice su questo punto:

«A qualcuno sembra che i giudizi critici sulla pubblicità siano diminuiti nel corso degli ultimi anni. Al mondo pubblicitario fa piacere affermarlo comunque. Ma bisogna dire che l’eco delle osservazioni critiche sulla pubblicità trova poco spazio nei media e, comunque, si dissolve rapidamente a causa di una tendenza dei media stessi a non trattar male la benzina del loro motore, senza i cui introiti giornali, periodici, emittenti radiofoniche e televisive avrebbero vita difficile o addirittura scomparirebbero. Oppure, come accade per i media commerciali, non produrrebbero profitti.

Se dunque è vero che la pubblicità viene accettata come forma di comunicazione in sé legittima, in quanto ritenuta utile allo sviluppo economico, è anche vero che basta poco perché una sua qualsiasi forma di provocazione risvegli risentimenti, avversioni e anche pregiudizi che covano stabilmente sotto la cenere, ben al di là della portata negativa, per qualsiasi ragione, di un singolo annuncio.

I contrasti o il disagio che la pubblicità può creare in determinate circostanze, più o meno occasionali, è documentato dalle sospensioni degli spot che talvolta sono avvenute nella programmazione televisiva. Le più recenti sono state decise negli Stati Uniti d’America in occasione dell’attentato terroristico dell’11 settembre 2001 e poi del suo primo anniversario: molti inserzionisti pubblicitari e alcune emittenti hanno scelto il silenzio, adottando un “atteggiamento di decenza e rispetto”, come ha detto il presidente di Publicis Conseil Jean-Yves Naouri.

Del tutto indifferente, invece, la televisione di casa nostra che, pur inondando i teleschermi di immagini agghiaccianti e di rievocazioni dolenti, non ha rinunciato agli introiti pubblicitari, interrompendo tranquillamente quelle immagini con sequele di spot inneggianti spensieratamente a deodoranti, automobili, detersivi, yogurt e merendine. Persino il film-documentario “In memoria”, trasmesso da Canale 5, ha mescolato terribili visioni delle torri colpite e distrutte e del pianto dei superstiti con le facezie della pubblicità» (Adriano Zanacchi, Il libro nero della pubblicità. Potere e prepotenze della pubblicità sul mercato, sui media, sulla cultura, Iacobelli, Roma, 2010, p. 204).

 

 

 

Semplice, solare e complice

Scrivendo ieri della “manifestazione semplice, solare e bella” di Veltroni, mi sono ricordata di una conversazione che qualche anno fa ebbi con Maria Luisa Altieri Biagi, grandissima linguista e splendida persona che per anni ha onorato della sua presenza il Master che dirigo. Parlavamo di parole logore ed espressioni abusate, e per un po’ ce le siamo scambiate come figurine.

All’epoca la professoressa teneva una rubrica sul Resto del Carlino e La Nazione. Ho trovato in rete la puntata che emerse dalla nostra conversazione.

“Complicità” cercasi
di Maria Luisa Altieri Biagi

Giovanna Cosenza – che insegna Semiotica a Scienze della comunicazione, nell’Università di Bologna – mi segnala per posta elettronica l’ultima vittima del bla-bla universale: è la parola “complicità”, “…logorata da usi e abusi televisivi e non. Nel mondo degli annunci personali tutti cercano complici e complicità…”.

Per averne conferma, basta assistere, su Canale 5, alla trasmissione “Uomini e donne”: rappresentanti dell’uno e dell’altro sesso si corteggiano e si esibiscono per individuare “a pelle” un compagno che sia “solare” ma, al tempo stesso, “intrigante”; insomma “una bella persona, fuori e dentro”, con cui realizzare un rapporto di “complicità”.

Che due persone siano sentimentalmente “complici” è accettabile se si vuol sottolineare la confidenzialità di un’intesa che esclude tutti gli altri. Ma il trasferimento di “complice” dalla sfera del crimine a quella dell’amore dovrebbe rimanere scelta episodica, di tipo espressivo, come è negli Indifferenti (1929) di Alberto Moravia: «Cercò sotto la tavola il piede della fanciulla e lo premette come per invitarla a ridere con lui; ma come prima ella non rispose a questo suo confidenziale e complice contatto».

Il guaio è quando “complice”, “complicità” si irrigidiscono nell’uso espressivo e diventano tessere pronte all’uso (“stereotipi”), sostitutive di parole che potrebbero dire la stessa cosa con più semplicità o con maggiore aderenza: cercare un’ “intesa”, un rapporto di “confidenza”, di “intimità”, di “comprensione reciproca”, di “alleanza sentimentale”, di “partecipazione emotiva”, ecc. Senza escludere parole ed espressioni ancora più semplici, che sarebbero le più giuste in una trasmissione che vuole sostituire la “realtà” quotidiana alla “finzione televisiva”.

Ma “Uomini e donne”, davanti alle telecamere, cercano di impreziosire il loro discorso: «Il modo in cui “ti poni” mi “urtica”» – ha detto una signora del pubblico a un “corteggiatore” che le stava antipatico! E voleva dire: il tuo modo di fare mi “irrita”, mi “dà noia”, mi “dà fastidio”, mi “indispone”, non mi “piace”, non mi “va giù”, non mi “va a genio”, non mi “sfagiola”, ecc.; ma è stata rimproverata dalla conduttrice e ha rinunciato alla sua perla. Ha invece attecchito “prototipo”, in un dialogo in cui la parola giusta sarebbe stata “tipo”: «Sono il tuo “prototipo” d’uomo?» // «Sì, sei il mio prototipo!».

Perché “Uomini e donne” preferiscono “urtica” a “irrita”, “prototipo” a “tipo”, “complicità” a “intesa”?

Perché credono che queste parole “riempibocca” siano eleganti, nobilitanti; non si rendono conto che invece – quando non siano sbagliate – sono solo più pretenziose delle parole semplici, quotidiane (ma ricche di linfa), che “incantavano” Umberto Saba, uno dei più grandi poeti del Novecento: “Amai trite parole che non uno/osava. M’incantò la rima fiore/amore,/ la più antica difficile del mondo”.

(Da La Nazione, 5/11/2004).