Archivi tag: divario digitale

Lui si gira, la guarda e le grida in faccia: «Uh, ma che cessa!»

Ragazzo manga cattivo

Da mesi le chiacchiere mediatiche sul turpiloquio, l’aggressività verbale e il cosiddetto hate speech si sprecano. Di solito lo sciocchezzaio più frequentato addossa le colpe a Internet, al Web, a Facebook. Come se la rete favorisse il “linguaggio dell’odio”, lo rendesse più facile (perché l’aggressore si nasconde dietro l’anonimato) e lo rendesse più pesante (perché se non guardi in faccia la tua vittima, è più facile colpirla). Casca a fagiolo l’episodio che mi ha raccontato Lucia (nome inventato), 22 anni, terzo anno di Scienze della comunicazione. Continua a leggere

Vita da Facebook 10 – Adulti e donne alla riscossa

Riprendo la serie «Vita da Facebook», interrotta qualche mese fa (le ultime puntate QUI, QUI e QUI), perché ho finalmente trovato su Inside Facebook alcuni dati che confermano impressioni che ho da sempre.

Intanto, smettiamola con la favola che Facebook sia usato soltanto dai ragazzini. I dati americani aggiornati al 1 febbraio 2009 mostrano che sul Facebook statunitense la fascia d’età da 26 a 65 anni è – se fai la somma – complessivamente il 45% (clic per ingrandire):

Gruppi di età su fb al 1 febbraio 2009

Queste percentuali danno una spallata potente alla discussione sui cosiddetti «nativi digitali», contro la quale ho già detto la mia QUI: le barriere nell’accesso agli strumenti informatici, e le differenze nel loro uso effettivo, sono sempre sociali, economiche e culturali, mai anagrafiche.

Inoltre, su Facebook US le donne superano gli uomini in tutte le fasce d’età (clic per ingrandire):

Utenti fb per età e genere 2 gennaio 2009

Infine, fra ottobre 2008 e gennaio 2009 il segmento demografico che è cresciuto con più rapidità (addirittura il 175,3% !) è quello delle donne fra 55 e 65 anni:

Crescita degli utenti fb da ottobre 2008-gennaio 2009

Al momento non ho ancora trovato dati italiani ed europei scorporati per genere ed età, ma credo gli Stati Uniti detteranno come sempre le nostre tendenze.