Archivi tag: fashion brands

I bambini e le bambine precocemente adulte dei marchi di moda

leggendaria

Sull’ultimo numero di Leggendaria è uscita una mia riflessione sul modo in cui sono spesso rappresentati i bambini e le bambine nella comunicazione commerciale e nei servizi fotografici dei marchi di moda da vent’anni a questa parte. E sul modo in cui queste immagini condizionano la comunicazione – e la nostra vita – ben al di là dei fashion brands. Ecco l’articolo: Continua a leggere

Quanto durerà ancora la moda dei volti pallidi, emaciati, con occhiaie?

Da un paio di settimane la mia navigazione su internet è funestata dal banner ricorrente di Amica.it, che presenta l’ennesimo volto femminile pallido, smunto, triste, con occhi e guance scavate a tal punto da far pensare a un brutto male (fisico o psichico, o entrambe le cose). Sarà la ripetizione, sarà che compare quando meno me l’aspetto nei contesti più disparati, sarà che la misura è colma, ma questa faccia m’inquieta più di altre: Continua a leggere

Moda o pornografia? Una campagna virale furbetta

Fashion or Porn?

È online il gioco «Fashion or Porn? Can you distinguish fashion from pornography?» realizzato dall’agenzia di comunicazione milanese NssFactory. L’operazione è interessante, perché ti permette di sperimentare in concreto quanto sia stretto il nesso fra l’immaginario pornografico e quello rappresentato ogni giorno dalle campagne pubblicitarie dei fashion brands: giocando e spesso sbagliando, scopri Continua a leggere

I bambini-adulti della moda e il diabete infantile: analogie e differenze

Dopo il mio articolo sul Fatto Quotidiano I bambini precocemente adulti dei marchi di moda, mi scrive un lettore, padre di un bambino diabetico, che mi ha autorizzata a pubblicare il nostro scambio:

Gentile professoressa Cosenza, ho letto con estremo interesse il suo post sul Fattoquotidiano.it e la ringrazio per questa ennesima e utile riflessione. Sono il padre di un ragazzo quindicenne affetto da sei anni dal diabete di tipo 1. Leggendo il suo post ho pensato che i ragazzi diabetici sono “costretti a crescere precocemente” e mi è ritornata alla memoria una discussa campagna di due anni fa, promossa da un’associazione di malati di diabete, nella quale veniva ritratto un bambino seduto su un divano con la faccia invecchiata.

Il diabete ruba i bambini Continua a leggere

Ancora bambini precocemente adulti per marchi di moda

Bambini serissimi, corrucciati, invecchiati: sembra che i fashion brands non sappiano fotografarli in altro modo. Eppure la Carta di Milano «Per il rispetto delle bambine e dei bambini nella comunicazione» di Terre des Hommes Italia dice (punto 3): «La comunicazione deve tenere conto delle differenti età dei bambini e delle bambine coinvolti rispettandone la naturale evoluzione. Non bisogna rappresentarli in comportamenti, atteggiamenti e pose inadeguati alla loro età e comunque non corrispondenti al loro sviluppo psichico, fisico ed emotivo. Ogni precoce erotizzazione dei bambini e delle bambine va bandita dalla comunicazione». Ciò nonostante, ecco altri due esempi di bimbi già vecchi, appena usciti su Gioia e Style. Continua a leggere

Quando i genitori vendono i bambini ai marchi di moda

Dopo il post sui bambini precocemente adulti dei fashion brands, sfoglio Repubblica e trovo anche questa (clicca per ingrandire):

Burberry

Per commentarla riporto la storia che l’altro giorno ha raccontato su questo blog Paolo Ferrara, direttore della Comunicazione e del Fundraising di Terre des Hommes Italia: Continua a leggere