Archivi tag: Il giorno prima della felicità

Con molta calma…

… riprendo i contatti con la rete.

😀

Ho visto che la discussione è proseguita anche senza di me, specie a commento dei post «A chi giova l’influenza A (o suina, o H1N1)» e «La rivoluzione si fa in rete?».

Ringrazio tutti coloro che vi hanno contribuito (e ancora lo stanno facendo). Spero in autunno di trovare qualche laureando/a, che trasformi in un lavoro di ricerca le preziose indicazioni che avete dato.

Per oggi il caldo vuole una dieta leggera.

Solo una citazione dall’ultimo libro di Erri De Luca, Il giorno prima della felicità. A prescindere dal romanzo nel suo complesso (che ho trovato meno bello di altre cose di De Luca), questo passaggio riassume un po’ la sua poetica.

E per me è un monito.

«Lo scrittore dev’essere più piccolo della materia che racconta. Si deve vedere che la storia gli scappa da tutte le parti e che lui ne raccoglie solo un poco. Chi legge ha il gusto di quell’abbondanza che trabocca oltre lo scrittore.»

(Erri De Luca, Il giorno prima della felicità, Feltrinelli, Milano, 2009, p. 76.)