Archivi tag: Inkiostro

Lauree umanistiche e lavoro

radiocitta'fujiko

Martedì sera ero a radiocitta’fujiko, ospite del programma «Impronte digitali», condotto da Filippo Piredda e Inkiostro, che ha ripreso a trasmettere dopo la pausa estiva. Questa volta abbiamo chiacchierato di Continua a leggere

Elezioni 2013: dalla Corrida al finale col botto

La Corrida con Corrado

Lunedì sera a radiocitta’fujiko, nella trasmissione «Impronte digitali», condotta da Filippo Piredda e Inkiostro, ho individuato nell’attuale campagna elettorale alcune tendenze e problemi trasversali. La sintesi sta già nel titolo: dalla Corrida (sì, quella di Corrado) al finale col botto (ognuno pensi al botto che preferisce). Queste sono le tendenze e i problemi: Continua a leggere

Consigli per lo stage

Da molti anni faccio parte della commissione tirocini del corso di laurea triennale in Scienze della Comunicazione. Da molti anni cerco di aiutare gli studenti e le studentesse a individuare, fra le mille offerte, il tirocinio più interessante e formativo per loro, quello che li porti davvero a trovare un lavoro degno di questo nome.

E dimmi, che stage vuoi fare da grande?

In proposito scrivo e ricevo tante mail al giorno, faccio incontri personali nel mio studio, scrivo post su questo blog. Puoi trovare molte indicazioni utili  navigando all’indietro la categoria Stage e lavoro.

E da oggi puoi anche ascoltare la chiacchierata che ho fatto lunedì sera a radiocitta’fujiko con Filippo Piredda e Inkiostro nella trasmissione «Impronte digitali». Una chiacchierata che potrei intitolare «Come trovare lo stage giusto». L’audio dura un’ora, ma è facile da seguire e puoi tenerlo in sottofondo mentre fai altro:

Che cos’è la viralità? Come si fa un video virale?

Quali sono gli ingredienti che fanno sì che un video diventi virale, cioè sia visto in rete da decine di migliaia o addirittura milioni di persone? Quali tecniche di comunicazione e marketing si possono applicare per rendere più probabile che un contenuto (non solo un video, ma un’immagine, un testo) diventi virale? Quali possono essere le conseguenze di un successo, magari desiderato, ma di cui non si prevedevano le dimensioni?

L'albero della viralità

A queste e altre domande ho cercato di rispondere lunedì sera, ospite di radiocitta’fujiko, nella trasmissione «Impronte digitali», condotta da Filippo Piredda e Inkiostro. L’audio dura un’ora, ma è una chiacchierata facile da seguire, che puoi tenere in sottofondo mentre fai altro:

Puoi riascoltare qui la puntata del 12 novembre, in cui abbiamo parlato della comunicazione di Grillo e del Movimento 5 Stelle.

Qui la puntata del 10 ottobre 2012, dove abbiamo parlato dei politici italiani su internet e delle primarie del centrosinistra.

Da oggetti a esseri umani: il caso «Lavatrici finite male»

Concludo la riflessione dei giorni scorsi sull’equiparazione fra oggetti e esseri umani, con la miniserie per il web «Lavatrici finite male» (grazie a Inkiostro e Annamaria per la segnalazione), che è l’ultima campagna Calgon, l’anticalcare per lavatrici, affidata al comico e regista Marcello Macchia, meglio noto come Maccio Capatonda.

Il caso è interessante perché mostra il processo inverso rispetto a quelli visti nei giorni scorsi: mentre la banalizzazione pubblicitaria più diffusa degrada gli esseri umani al ruolo di oggetti (un’auto, un cracker, una bevanda «al posto di» una relazione affettiva spogliano la relazione della sua ricchezza umana), le microstorie di «Lavatrici finite male» antropomorfizzano l’oggetto lavatrice, cioè lo nobilitano facendo come se avesse pensieri e vivesse emozioni, sensazioni e relazioni umane. Insomma non più esseri umani trasformati in oggetti (e come tali degradati), ma oggetti trasformati in esseri umani (e come tali nobilitati).

Lavatrici finite male

Inoltre le «Lavatrici finite male» fanno ridere, perché rappresentano l’equivalenza in modo letterale e non più metaforico, cioè inseriscono la lavatrice in scenette in cui si comporta ed è trattata esattamente come se fosse una persona vera (talmente vera che un episodio si intitola «Trattata come un oggetto»). È una persona «finita male» per il cui triste destino siamo chiamati a dolerci. Finché Calgon non la salverà. Buon divertimento! 🙂

Lavatrici finite male: Trattata come un oggetto

Lavatrici finite male: La polvere bianca

Lavatrici finite male: La principessa barbona

Lavatrici finite male. Criminal Machine

Lavatrici finite male: Anticalcari alla goccia

I politici italiani su internet: le primarie del Pd

Lunedì dalle 19 alle 20 sono stata ospite di radiocitta’fujiko, nella trasmissione «Impronte digitali», condotta da Filippo Piredda e Inkiostro. (D’ora in poi ci andrò con regolarità almeno una volta al mese, se non di più.)

radiocitta'fujiko

Abbiamo parlato di come i politici italiani usano la rete e i social media, con particolare attenzione alle primarie del Pd e dando anche un’occhiata a ciò che stanno facendo Obama e Romney oltreoceano.

Il podcast dura un’oretta, ma ci sono diversi stacchi musicali e la conversazione fila via leggera. Non è una lezione insomma, né un’analisi sistematica, perché siamo in radio. Ma non è nemmeno chiacchiera pura e semplice, perché ciò che dico si basa comunque sul mio lavoro di ricerca, e potrei ulteriormente argomentarlo. Puoi tenere il podcast in sottofondo mentre fai altro, se ti va. E se ti vengono domande o dubbi, puoi usare lo spazio del blog per esprimerli.

Quattro chiacchiere (e risate) di politica, comunicazione e altro

Martedì sera dala 19 alle 20 sono stata ospite di radiocitta’fujiko, nella trasmissione «Impronte digitali», condotta da Filippo Piredda e Inkiostro.

radiocitta'fujiko

Il pretesto era la presentazione di SpotPolitik. Perché la «casta» non sa comunicare, ma si è chiacchierato (e riso) di molte cose: Monti, Obama, il Pd nazionale e locale, la fine di Berlusconi, ma poi anche Alfano, Formigoni, i problemi della comunicazione e dell’uso dei new media in Italia, non solo in ambito politico.

Insomma ci siamo divertiti. Il podcast dura un’oretta, ma ci sono diversi stacchi musicali e la conversazione fila via leggera. La puoi tenere in sottofondo mentre fai altro. Se ti va.

Clicca il link e ascolta: MP3 – Impronte digitali – SpotPolitik