Archivi tag: marketing

Tre borse di studio INPS a copertura totale dei costi del Master in Comunicazione, Management e Nuovi Media

MasterCom

Sono ancora disponibili tre borse di studio INPS a copertura totale dei costi di iscrizione per la nuova edizione del Master di I livello in Comunicazione, Management e Nuovi Media (MasterCom), organizzato congiuntamente dall’Università di Bologna e dall’Università di San Marino. Se sei figlio/a di un/a di una persona (che lavora o è in pensione) appartenente alle categorie assistite dall’INPS e sei senza lavoro, puoi ottenere una borsa: qui il Bando di Concorso INPS. Il Master offre un’opportunità di formazione specialistica sulla comunicazione professionale e aziendale, con un focus particolare sul web, i social media e le forme più innovative di comunicazione, negli ambiti del guerrilla e del viral marketing, dell’experiential marketing, dell’internet marketing, del social media marketing. Se hai almeno una laurea triennale e vuoi intraprendere un percorso di formazione professionalizzante sulla comunicazione contemporanea, il Master fa al caso tuo. Anche se già lavori e vuoi continuare a studiare lavorando, Continua a leggere

Quando il marketing fa marketing di se stesso

marketing

Per introdurre e posizionare sul mercato un nuovo marchio, servizio o prodotto, occorre anzitutto trovargli un nome (è il cosiddetto naming). Poi bisogna dotarlo di significato, arricchire questo significato di emozioni, arredare di situazioni, cose, persone, eventi il mondo immaginario in cui il nuovo marchio (servizio, prodotto) andrà a vivere. Nei casi migliori (cioè non sempre, nonostante l’abuso odierno del termine storytelling), l’arricchimento semantico è organizzato in storie coerenti e interessanti. Ebbene, il marketing applica lo stesso metodo a se stesso, inventando sempre nuovi servizi e nuove specializzazioni nel suo ambito, Continua a leggere

Un tirocinio extracurricolare nel settore delle ricerche di mercato

beyond-research

Ricevo da Beyond research, azienda di Milano, un’offerta interessante – e con prospettive di lavoro – di tirocinio extracurricolare, rivolta a laureati/e in Psicologia delle organizzazioni, Marketing, Comunicazione, Sociologia, Semiotica e affini. Ecco l’annuncio: Continua a leggere

Calzedonia risponde

Qualche ora fa ho ricevuto una risposta al mio post La mestizia Calzedonia è di nuovo con noi da Angela Picin dell’ufficio marketing di Calzedonia.

Picin non entra nel merito della questione principale sollevata dal post e dalla discussione successiva, ma si sofferma solo su due punti:

«Gentile Dott.ssa Giovanna Cosenza e gentili utenti del blog DIS.AMB.IG.UANDO,

Sono Angela Picin e lavoro all’ufficio marketing di Calzedonia.

In merito ai commenti generati dal post della Dott. ssa Giovanna Cosenza sullo spot Calzedonia desideravo precisare due soli punti:

• Calzedonia non ha alcun legame di natura commerciale, sociale od economica con il gruppo Omsa, che allo stato delle cose, altro non è che un nostro competitor dall’interno dello stesso segmento di mercato.

• Per quanto riguarda il canale Ufficiale Calzedonia su YouTube segnalo che abbiamo deciso,nel rispetto di tutti i visitatori, minorenni inclusi, di chiudere i commenti al video spot perché alcuni utilizzavano un linguaggio eccessivamente scurrile e volgare.

Ringraziandovi per lo spazio concesso vi saluto. Angela Picin»

Due stage a Las Palmas de Gran Canaria

Apprendo dalla collega Pina Lalli della possibilità di due tirocini all’estero, che non prevedono gettone di rimborso spese, ma possono essere presi in considerazione per partecipare al Bando Erasmus Placement, che in genere comporta un contributo di circa 600 euro al mese (la pubblicazione del bando 2010-2011 presso l’Università di Bologna sarà più o meno a fine settembre 2010).

Ecco l’annuncio:

Azienda: Servipublic Canarias S.L., c/ Pintor José Arencibia Gil, nº4, 35001 LAS PALMAS DE GRAN CANARIA, tel.: +34 928 366 230, fax: +34 928 384 206, sito web: www.servipublic.com. È un’agenzia di servizi che dal 1989 si occupa di marketing promozionale e organizzazione eventi.

Contatto: Cristina Pulido Alvarado, direttrice, e-mail: cristina chiocciola servipublic.com.

L’azienda offre due opportunità di stage: (1) Area comunicazione e marketing; (2) Area produzione multimediale.

STAGE 1 – Aree disciplinari: marketing, comunicazione.

Descrizione: Organizzazione di campagne di marketing locale, nazionale e internazionale, campagne pubblicitarie e di promozione di eventi culturali:

– ideazione;

– creazione di un gruppo di lavoro, web mail e web marketing;

– realizzazione: 1. media (carta stampata, radio, televisione), 2. materiali promozionali, 3. risorse umane (selezione del personale, briefing, formazione di un gruppo di lavoro), 4. relazioni pubbliche;

– realizzazione della campagna: analisi dei risultati dal punto di vista qualitativo e quantitativo.

Durata: Minimo quattro mesi anche se l’ideale sono sei mesi.

Remunerazione: Nessuna.

STAGE 2 – Aree disciplinari: Fotografia, audiovisuale, fonica.

Decrizione: Fotografia (organizzazione di sessioni fotografiche per modelli adulti e bambini; creazione di book, casting virtuali, ecc.).

– TV (spot pubblicitari e programmi);

– video (presentazioni);

– realizzazione e gestione della pagina web (redazione testi, foto, notizie).

Durata: Minimo quattro mesi anche se l’ideale sono sei mesi.

Remunerazione: Nessuna.

If we ran the world

L’amica Paola mi segnala questa iniziativa statunitense, di cui ha parlato anche Wired, «Yes, We Plan: How Altruism and Advertising Can Change the World», 3 marzo 2009.

L’esperta di marketing Cindy Gallop e lo sviluppatore Wendell Davis stanno realizzando la piattaforma web Ifwerantheworld, ovvero «Se guidassimo il mondo».

Il sito funzionerà così: al tuo arrivo in home, sarai accolto da una pagina di ricerca come quella di Google, con la scritta: «Se guidassi il mondo vorrei…». Dopo i puntini di sospensione, potrai scrivere il tuo auspicio per un mondo migliore. A quel punto, Ifwerantheworld ti proporrà alcune attività elementari, tra cui potrai scegliere quella che puoi/vuoi avviare subito per realizzare il proposito.

Secondo i dati del Center for the Digital Future della University of Southern California, il 75 % degli iscritti a comunità online si fa coinvolgere in iniziative sociali e l’87 % ha iniziato a interessarsi a queste cause solo dopo l’ingresso in una community (fonte: La Repubblica, 7 marzo 2009).

Tuttavia «there is no Google of action», dice Cindy Gallop, «e gli strumenti dei social network come Facebook permettono alle persone di raggrupparsi, ma non di agire». Ifwerantheworld colmerà questa lacuna perché assegnerà ai volonterosi un compito concreto, e farà perno sulla voglia di mettersi in luce agli occhi della comunità: le buone azioni fatte appariranno nel profilo degli utenti, e ognuno potrà documentarle con foto e video.

Inoltre, ogni buona azione sarà organizzata graficamente su una linea che darà in ogni momento la percezione dei progressi verso il raggiungimento dell’obiettivo finale. La comunità sarà coinvolta anche per individuare le grandi cause per cui attivarsi e le fasi in cui scomporle.

Last but not least, Gallop e Davis ci guadagneranno: a quanto capisco, le aziende potranno partecipare al sistema con iscrizioni annuali (da 200 a 10.000 dollari, a seconda della dimensione aziendale), per contribuire alla realizzazione di buone azioni e farsi pubblicità.

In effetti l’iniziativa mette il dito sulla piaga di molte cause on line, specie su Facebook: non basta il clic con cui si entra in un gruppo o si sostiene una causa per muovere il mondo. Per muoverlo davvero, occorre mollare il computer e andarci, nel mondo.

Riuscirà l’impresa Gallop?

Il marketing del marketing

Per introdurre e posizionare nel mercato un nuovo marchio (servizio, prodotto), occorre anzitutto trovargli un nome (è il cosiddetto naming). Poi, naturalmente, bisogna dotarlo di significato, arricchirlo di suggestioni e emozioni, arredare di situazioni, cose, persone, eventi il mondo in cui il nuovo marchio (servizio, prodotto) andrà a vivere. La comunicazione lavora sull’arricchimento semantico, con tutti i mezzi: spot, affissioni, campagne stampa, testimonial, ospitate televisive e tutto ciò che sappiamo.

Il marketing applica lo stesso metodo a sé, per vendere sempre nuovi corsi di formazione, curricoli accademici, libri, posti in azienda. Ma troppo spesso si limita alla prima parte: l’invenzione di nuove etichette. Sicché, lasciati soli, i nomi muoiono presto. Come le mode.

Grazie a Silvia, ecco un censimento dei tipi di marketing più in voga ora. Ma di sicuro ne sta nascendo un altro mentre leggi. 🙂

(Idea per una tesi triennale: uno studio sistematico sull’origine, il posizionamento, i significati e gli intrecci di tutte queste etichette.)

Anti-Marketing
Authenticity Marketing
Buzz Marketing
Cause Related Marketing
Chrono-marketing
Co-Marketing
Community Marketing
Convergence Marketing
Contextual Marketing
Counter Marketing
Creative Marketing
Cult Marketing
Customer Centric Marketing
Database Marketing
Eco-Marketing
Emotion Marketing
Empowerment Marketing
Entrepreneurial Marketing
Environmental Marketing
Ethnic Marketing
Ethno-marketing
Event Marketing
Expeditionary Marketing
Experience Marketing
Exponential Marketing
Family Marketing
Geo-marketing
Grass Roots Marketing
Green Marketing
Guerrilla Marketing
Holistic Marketing
Interactive Marketing
Knowledge Marketing
Life Event Marketing
Loyalty Marketing
Macro Marketing
Maxi Marketing
Mega Marketing
Micromarketing
Multilevel Marketing
Multi-Sensory Marketing
Network Marketing
Neural Marketing
Niche Marketing
Non Business Marketing
Nostalgia Marketing
Olfactory Marketing
One-to-One Marketing
Permission Marketing
Scarcity Marketing
Sensory Marketing
Situational Marketing
Slow Marketing
Social Marketing
Societal Marketing
Solution Marketing
Stakeholder Marketing
Stealth Marketing
Street Marketing
Sustainable Marketing
Radical Marketing
Real Time Marketing
Relationship Marketing
Retro-marketing
Reverse Marketing
Symbiotic Marketing
Time Based Marketing
Total Relationship Marketing
Trade marketing
Trend Marketing
Tribal Marketing
Turbo Marketing
Undercover Marketing
Value Marketing
Viral Marketing
Yield Marketing

(da B. Cova, A. Giordano, M. Pallera, Marketing non-convenzionale. Viral, guerrilla, tribal e i 10 principi fondamentali del marketing postmoderno, Il Sole 24 Ore Pirola, 2008.)