Archivi tag: Pari o Dispare

Da New York a Roma la campagna «Non farti scippare il futuro»

Lo so che in un momento di gravissima emergenza contestare la manovra finanziaria del governo pare una bestemmia.

E so pure che le contestazioni dei parlamentari avvocati e notai del Pdl, ieri, hanno messo in brutta compagnia qualunque protesta.

Ma è vergognoso che nella manovra non ci sia niente – niente di niente – che riguardi il welfare a favore delle donne. L’ennesima dimostrazione di sordità della politica nei confronti di ciò che accade fuori dai palazzi.

Dunque.

SE NON ORA QUANDO E PARI O DISPARE CONTRO LA MANOVRA FINANZIARIA. DA ROMA A NEW YORK, PROSEGUE LA CAMPAGNA “NON FARTI SCIPPARE IL FUTURO”

I gruppi Se Non Ora Quando e Pari o Dispare denunciano una manovra che sottrae al welfare per le donne la cifra record di 4 miliardi di euro.

Questi soldi, per una legge approvata dal parlamento italiano qualche mese fa, dovevano essere impegnati per politiche di conciliazione, inclusione delle donne nel mercato del lavoro, assistenza e cura. Non investimenti a fondo perduto, ma un modo per ridare respiro al potenziale al femminile e per investire nella crescita del nostro paese.

La manovra finanziaria ha cambiato destinazione a questo tesoretto, scippandolo letteralmente dalle borsette delle donne italiane, visto che è dall’aumento dell’età pensionabile nel pubblico impiego delle donne che si riscuoterà la ragguardevole cifra di 4 miliardi.

Non una sola parola del Governo su questo furto. Né una spiegazione. Omissioni, anche durante il question time al Senato, dove il Ministro Sacconi interrogato su questo ha evitato di rispondere su che fine avesse fatto “il malloppo”. Silenzio o bugie da parte degli altri componenti del Governo, oltre che un certo imbarazzo presso la maggioranza.

“Occorre non tacere, fare quanto più rumore possibile, in modo che tutte sappiano quanto sta accadendo. Ce ne ricorderemo a tempo debito e lotteremo perché questo scippo non avvenga. E se dovesse accadere, continueremo a insistere perché si torni su questa sciagurata decisione.

Sappiamo che sono tempi difficili e che tutti dobbiamo fare sacrifici, ma non è possibile che a fronte di tagli assenti o scarsi su voci come i costi della politica, le province e molto altro, venga chiesto alle donne l’ennesimo sacrificio. – spiegano le promotrici – Vogliamo ricordare che le donne sono già chiamate a rispondere, con il loro lavoro volontario e non pagato ai tagli del welfare degli ultimi anni”.

Per opporsi al provvedimento le donne dei due gruppi, diverse parlamentari (hanno già aderito Emma Bonino, Paola Concia, Francesca Marinaro, Flavia Perina) e tutte coloro che vorranno sostenerle, si daranno appuntamento a Piazza Montecitorio oggi, giovedì 14 luglio, alle ore 17:30 in coincidenza con la discussione della manovra alla Camera.

La data è stata scelta anche per sottolineare che in queste ore è in corso a New York la presentazione del  rapporto ombra sulla disuguaglianza di genere in Italia, in margine alla sessione internazionale della Convenzione CEDAW (ONU, Committee on the Elimination of Discrimination against Women). Dal testo emerge, ancora una volta, il ruolo secondario a cui le donne sono condannate in Italia, nonostante gli impegni e le promesse presi dai governi che si sono succeduti negli ultimi anni.

Per info e contatti: segretariapod chiocciola gmail.com

mobile: 342 17 62 202

 

Women will save the world? Ma dai

Lunedì ero a Milano, a un incontro organizzato dall’associazione Pari o Dispare, presieduta da Emma Bonino, per presentare il «Manifesto per un uso responsabile dell’immagine femminile in pubblicità», promosso da Pari o Dispare e firmato da diverse aziende, fra cui Amplifon, Eni, Gruppo EffeGi, Maggie, Midali, presenti all’incontro. Questo era il programma (clic per ingrandire):

Pari o Dispare a Milano 4 luglio

Bene che queste iniziative fioriscano (vedi anche Il manifesto deontologico di alcuni pubblicitari). E tutto bene finché abbiamo parlato noi: da Emma Bonino a Cristina Molinari, da Annamaria Testa a Marilisa D’Amico, Giovanna Maggioni e me.

Meno bene quando hanno cominciato a parlare i rappresentanti delle aziende. Per esempio Maggie Jeans che, per dimostrare la sua attenzione all’immagine della donna in pubblicità, ha presentato con orgoglio la nuova campagna «Women Will Save the World».

Quattro ragazze altissime e magrissime, ma per nulla levissime, perché nello spot hanno una faccia talmente triste e/o arrabbiata che non augureremmo quell’umore nemmeno alla peggiore nemica. Quattro ragazze fotografate di spalle, con una striscia rossa all’altezza del sedere che dice a grandi lettere, appunto, «Women Will Save the World» (clic per ingrandire):

Women will save the world

Ebbene, il signore che rappresentava l’azienda (non ne ricordo il nome) si è dichiarato orgoglioso della campagna, per due motivi soprattutto (cito a memoria): la fascia rossa, che finalmente nasconde ciò che le altre pubblicità mostrano (sic!), e lo slogan, che vede le donne come motore di cambiamento del mondo (ri-sic!).

Qualcuno dovrebbe spiegargli che mettere una fascia rossa con una scritta sul sedere di una persona non cambia il focus di attenzione, anzi: dà al sedere un’importanza anche maggiore. E che dire alle donne che salveranno il mondo è il solito, stravecchio, modo di prenderle… per i fondelli appunto. Le donne non salveranno un bel nulla, senza gli uomini e gli altri generi sessuali. È già difficile riuscirci tutti assieme, a salvare il mondo. Figuriamoci le donne da sole.

Né tanto meno lo salveranno le modelle della campagna, dall’alto di quei tetti e tacchi. Guarda anche lo spot: