Archivi tag: spot

Alessi: volano piatti e stoviglie d’autore nello spot televisivo

Spot Alessi

È definito “un litigio ironico, surreale e divertente” – così recita il comunicato stampa – quello che Alessi mette in scena nello spot in onda in questi giorni sulle reti Mediaset e sui canali digitali da Sky a Fox. Si può scherzare su certe cose? Si può scherzare su (quasi) tutto ovviamente, basta saperlo fare: nel modo giusto, nel contesto appropriato, senza offendere nessuno. In questo caso, però, la (presunta) ironia mi lascia perplessa: non ne trovo il senso, se non perché Continua a leggere

Lo spot sui pannolini Huggies: com’è andata a finire

Huggies

A proposito del caso Huggies di cui abbiamo parlato un paio di settimane fa, riprendo le considerazioni che Massimo Guastini, presidente dell’Art Directors Club Italiano, ha fatto sull’ingiunzione Iap che ne intima la sospensione: Continua a leggere

Se gli uomini avessero le mestruazioni, come sarebbe la pubblicità?

Spot WaterAid

Sappiamo bene che per molte e molti – in Italia, ma non solo – l’argomento mestruazioni è un vero e proprio tabù, per cui non se ne parla affatto o se ne parla – se proprio si deve – in modo indiretto e imbarazzato, spesso usando circonlocuzioni e eufemismi: “Ho le mie cose”, “Sono indisposta”, “Sto in quei giorni”, “Ho… ehm… hai capito”, per non parlare delle varianti regionali e dialettali (se ne hai voglia, prova a fare un elenco). Diciamolo senza mezzi termini: le donne – chi più chi meno, anche se non lo ammettono nemmeno a se stesse – se ne vergognano. Ebbene, la Ong WaterAid ha creato, in occasione della Continua a leggere

L’ultima campagna Desigual. Stavolta senza polemiche né tagli

#cosavedi

A fine aprile è uscita anche in Italia l’ultima campagna Desigual, contrassegnata dallo hashtag #cosavedi. Protagonista è la modella di colore Chantelle Winnie Harlow, divenuta celebre anche grazie alla sua vitiligine, che la rende unica, diversa, ma non per questo meno bella, e in ogni caso perfetta per il marchio Desigual, che da sempre associa alle sue collezioni i temi della diversità (anche nel senso della trasgressione di regole e costumi dominanti) e della multiformità (di colori come di personalità e stili di vita). Questa volta Desigual non gioca a creare scandalo per attirare Continua a leggere

Galbusera: «Si può essere buoni senza essere zuccherosi»

Lo spot Galbusera

Da un paio d’anni va in onda lo spot dei biscotti Galbusera “Buoni così”, interessante per l’ironia con cui mette in scena una relazione fra uomo e donna diversa dal solito. Mentre lei, giovane manager in tailleur impeccabile, sopporta una pesante riunione in cui si parla dei «risultati del primo semestre deludenti», dalla finestra appare lui che, travestito da coniglio rosa, canta stonando, accompagnandosi con una chitarrina e pure ammiccando «I love youuuu Lucia». Alla fine la giovane, Continua a leggere

Fiat 500, ovvero l’immagine del maschio italiano all’estero

FiatX crossover

Nel 2012 lo spot con cui Fiat-Chrysler pubblicizzava nel mondo la Sport Abarth 500 mostrava un giovane maschio imbranato, allupato, con barbetta rada e occhiali da nerd, tutto perso dietro alla modella romena Catrinel Menghia, che in realtà poi era la Sport Abarth 500, o meglio, come lui la vedeva e concupiva. Uscì per la prima volta durante il Superbowl (ne parlai QUI) e durò mesi. Questo: Continua a leggere

Chateau d’Ax e la Giornata per l’eliminazione della violenza contro le donne

Un professore per casa - Episodio del 25 novembre

Nel giugno scorso avevo segnalato – e nei mesi successivi tutti abbiamo visto – come l’azienda di arredamento Chateau d’Ax abbia cambiato stile di pubblicità grazie all’intervento dell’agenzia CookiesAdv di Massimo Guastini e soci. Con la serie di spot “Un professore per casa” Chateau d’Ax dà un’immagine completamente diversa di sé: non più Continua a leggere