Archivi tag: televisione

Pasolini e la televisione

«Il successo è l’altra faccia della persecuzione… nel momento in cui qualcuno ci ascolta dal video, ha un rapporto da inferiore a superiore, il che è profondamente antidemocratico… le parole che cadono dal video cadono sempre dall’alto, anche le più sincere, anche le più democratiche… Il grande pessimismo implica sempre un grande ottimismo».

Sono alcuni passaggi chiave di una celebre chiacchierata (a tratti polemica) fra Enzo Biagi, Pasolini e altri.

Sulla Rai. Nel 1971.

Una canzone in televisione

Ieri Giulio mi ha fatto scoprire un video che risale alla fine del 2007, a quanto capisco.

Soggetto: Eleonora, che ha studiato con me alla triennale in comunicazione e ora prosegue al biennio in semiotica, duetta con la cantante Giorgia in uno di quei contenitori televisivi che mettono a confronto le star con i loro fan. Uno di quegli ambientacci da cui ti aspetteresti il peggio, insomma, in equilibrio fra la Corrida e gli Amici della De Filippi.

Invece, se superi le moine di Antonella Clerici all’inizio, fai un’esperienza molto diversa. Eleonora non arrossisce, né mostra deferenza. Ma neppure brandisce il microfono, civettando con la telecamera e il pubblico come se non avesse aspettato altro nella vita.

Semplicemente, canta.

Con la sicurezza di una che conosce la sua voce e ha studiato, con la felicità di farlo. Né più e né meno che se fosse a casa sua. Alla faccia dello star system e della tv.

È così che si usa il mezzo, e non ci si fa usare.

Una lezione di comunicazione, brava Eleonora.

Trionfi e cadute della fiction per adolescenti

Ho cominciato a riflettere sulla fiction per adolescenti nell’ottobre 2006, quando crollarono gli ascolti della serie televisiva The OC (dal 2004 su Italia 1 in prima serata), tanto da indurre Mediaset a interromperne la programmazione – a metà della terza stagione – per poi riprenderla in seconda serata nella primavera 2007, ma sospenderla definitivamente a settembre 2007.

Volevo capire, un anno e mezzo fa, come mai una serie in apparenza simile a Beverly Hills 90210 negli anni Novanta e Dawson’s Creek fra il 1998 e il 2003 avesse fatto – dopo il successo iniziale – un clamoroso fiasco, mentre le precedenti avevano ottenuto consensi ben più durevoli.

Allora ho confrontato The OC con due celebri serie per adolescenti: Happy Days, di tanti anni fa, e la più vicina Dawson’s Creek, appunto. Il lavoro è appena stato pubblicato in un volume collettivo a cura di Maria Pia Pozzato e Giorgio Grignaffini Mondi seriali. Percorsi semiotici nella fiction, Link-Ricerca, Milano, marzo 2008.

Il libro è molto interessante (a tratti pure divertente) e ti consiglio di prenderlo: ci hanno scritto persino Umberto Eco e Carlo Freccero, tanto per dirne due noti 😉 e, se ti piace la fiction televisiva, ci trovi un po’ di tutto: dallo storico Twin Peaks a Dr. House, da Lost a Sex and The City e Desperate Housewives (questo è l’indice del libro).

Se intanto vuoi leggere il mio pezzo sul teen drama, te lo lascio in pdf, per gentile concessione di Link-Ricerca.

Eccolo qua, s’intitola “Perche The OC non ha funzionato? Trionfi e cadute della fiction per adolescenti.

Aspetto i tuoi commenti dopo che l’avrai letto – ma anche prima, se già ne sai qualcosa.

Il Collegio incontra

Per chi vive a Bologna e a quell’ora si trova in centro…

Oggi alle ore 17.30, nell’Aula VIII Centenario in via Zamboni 33, per la serie di appuntamenti “Il Collegio Superiore incontra”:

Conferenza su
Etica e mercato TV
di
Tullio Camiglieri

Direttore Comunicazione e Relazioni Esterne di Sky Italia
Presiede Paolo Leonardi, Direttore del Collegio Superiore.
Tullio Camiglieri tiene corsi al mio Master e alla Sapienza di Roma. Questo è il suo cv.
L’incontro è aperto a tutti e, conoscendo Camiglieri, mi aspetto sia molto interessante.
Particolarmente indicato per chiunque sia curioso di sentire,
direttamente da uno dei top manager di Sky, come si muove oggi un gigante della comunicazione mondiale.