Archivi tag: tirocinio

Un tirocinio retribuito come assistente di Direzione nell’area marketing e comunicazione

Techboard

Ricevo e volentieri pubblico l’offerta di un tirocinio extracurricolare (retribuito a norma di legge) presso l’azienda Techboard, rivolto a neolaureati/e (o laureandi/e della sessione di luglio) nel settore delle Scienze della comunicazione. L’offerta è ancor più interessante perché propedeutica a un’assunzione a tempo indeterminato: Continua a leggere

Un tirocinio con rimborso spese in una multinazionale della comunicazione con sede a Milano

web_marketing

Mi scrive un ex studente di Scienze della comunicazione (di tanti anni or sono), che oggi lavora in una multinazionale con sede a Milano ed è convinto – come me – che molte laureate e molti laureati a Bologna “abbiano una marcia in più”, per cui vuole puntare su uno/a di loro. L’azienda in cui lavora offre un tirocinio molto interessante (curricolare o extracurricolare) “con finalità di assunzione”: Continua a leggere

Un tirocinio extracurricolare nel settore del Social Media Marketing

Marketing Management Srl logo

Marketing Management Srl, istituto di ricerche statistiche e sondaggi d’opinione con sede a Bologna, offre un tirocinio di 6 mesi a un/a neolaureato/a in Scienze della comunicazione o discipline affini. L’azienda si occupa di ricerche di mercato ed è particolarmente attiva in Semantic Analytics e Social Intelligence (sul sito questa informazione è marginale). Il/la tirocinante si occuperà di Continua a leggere

Quando la Semiotica aiuta a trovare lavoro

Semiotica e filosofia del linguaggio, di Umberto Eco

Ricevo da Alessandro, che si laureerà con me in marzo alla magistrale di Semiotica, un resoconto sulla sua esperienza (positiva) di tirocinio, che si trasformerà presto in un contratto di apprendistato. Come sanno coloro che seguono questo blog, ritengo utile pubblicare la testimonianza di chi riesce a usare presto e bene le competenze acquisite durante un percorso di studi umanistico, non certo per Continua a leggere

Quanto è bello e utile fare un tirocinio a Sky Sport 24

Sky Sport 24

L’anno scorso Davide ci raccontò come era riuscito a ottenere un tirocinio curricolare presso Sky Sport 24: gli era bastato seguire qualche mio consiglio, fare una ricerca accurata e scrivere una buona lettera di motivazione (vedi Stage: quanto vale una buona lettera di motivazione? Molto). Oggi che ha terminato il tirocinio, ci racconta com’è andato: Continua a leggere

Consigli per lo stage

Da molti anni faccio parte della commissione tirocini del corso di laurea triennale in Scienze della Comunicazione. Da molti anni cerco di aiutare gli studenti e le studentesse a individuare, fra le mille offerte, il tirocinio più interessante e formativo per loro, quello che li porti davvero a trovare un lavoro degno di questo nome.

E dimmi, che stage vuoi fare da grande?

In proposito scrivo e ricevo tante mail al giorno, faccio incontri personali nel mio studio, scrivo post su questo blog. Puoi trovare molte indicazioni utili  navigando all’indietro la categoria Stage e lavoro.

E da oggi puoi anche ascoltare la chiacchierata che ho fatto lunedì sera a radiocitta’fujiko con Filippo Piredda e Inkiostro nella trasmissione «Impronte digitali». Una chiacchierata che potrei intitolare «Come trovare lo stage giusto». L’audio dura un’ora, ma è facile da seguire e puoi tenerlo in sottofondo mentre fai altro:

La riforma Fornero rende più difficile l’ingresso nel lavoro?

In attesa che gli accordi fra Stato e Regioni chiariscano e rendano effettiva la riforma del lavoro Fornero in materia di stage e tirocini, ricevo da Paolo – ex studente e dottorando in Semiotica, che oggi lavora presso JacLeRoiuna testimonianza sulle difficoltà che la riforma Fornero del lavoro crea alle piccole imprese quando vogliono assumere nuove persone (ricordo che in Italia il 95% delle imprese ha meno di 10 addetti).

Giovani al lavoro

«Ciao Giovanna, seguo sempre il tuo blog e in particolare il dibattito intorno ai tirocini. Apprezzo molto l’attenzione dedicata al tema e volevo offrire un breve contributo al dibattito.

A causa degli ultimi cambiamenti legislativi sul mercato del lavoro, mi pare si sia creato una sorta di limbo per molti giovani. È un limbo che si colloca tra università e mondo del lavoro e raccoglie tanti giovani, anche di grande qualità, che non hanno alcuna esperienza di lavoro. Non avendo esperienza non vengono selezionati dalle aziende per le posizioni aperte (perché prendersi il rischio di assumere una persona alla prima esperienza di lavoro?). Non venendo mai selezionati non si possono fare questa esperienza. Il tirocinio servirebbe proprio a uscire da questo circolo vizioso, ma al momento è un’esperienza preclusa a tanti.

Infatti le novità normative 2012 limitano a 12 mesi dopo la laurea il tempo utile per il tirocinio. Inoltre una azione sempre più restrittiva sui contratti più flessibili (ad esempio a progetto) ha ristretto, se non annullato, un canale che poteva in parte funzionare per una fase di prima esperienza professionale. In questi anni abbiamo visto abusi di ogni genere e tipo, quindi ben venga il rispetto delle regole, però dobbiamo guardare alla situazione attuale. Il risultato è che un’azienda in cerca di un tirocinante, se vuole fare le cose correttamente, si trova oggi di fronte a una grande offerta di candidati, spesso molto preparati, ma all’interno di questa platea gli effettivi possibili papabili per la forma giuridica del tirocinio sono molto pochi.

Tanti hanno passato il limite dei dodici mesi. Tutti quelli che hanno fatto un master di un anno, ad esempio. Chi ha cercato lavoro o tirocinio e non l’ha trovato nell’anno successivo alla laurea è nella stessa condizione. Chi si è iscritto a una laurea magistrale e poi non ha completato gli studi. Chi, per motivi personali, ha deciso o non ha potuto mettersi sul mercato del lavoro subito dopo la laurea. Chi ha fatto l’università all’estero. E i casi sono tanti. È il limbo di chi non ha una prima esperienza e non ha una forma contrattuale di ingresso per farsela. Volendo dare una indicazione di massima, di dieci curricula per posizioni di tirocinio che mi capita di vedere, sette rispondono a questi requisiti.

Due conclusioni provvisorie che offro alla discussione. Prima di tutto speriamo che il 2013 porti delle riforme legislative capaci di agevolare, e non di ostacolare, il passaggio tra università e lavoro. Secondo, un consiglio per tutti gli studenti: sfruttate tutte le occasioni di tirocinio offerte anche prima della laurea, tirocini curriculari, sia universitari, sia al termine di master o altri percorsi formativi. E poi una domanda aperta: quali soluzioni per i tanti nel “limbo”?»