Archivi tag: Viral marketing

Tre borse di studio INPS a copertura totale dei costi del Master in Comunicazione, Management e Nuovi Media

MasterCom

Sono ancora disponibili tre borse di studio INPS a copertura totale dei costi di iscrizione per la nuova edizione del Master di I livello in Comunicazione, Management e Nuovi Media (MasterCom), organizzato congiuntamente dall’Università di Bologna e dall’Università di San Marino. Se sei figlio/a di un/a di una persona (che lavora o è in pensione) appartenente alle categorie assistite dall’INPS e sei senza lavoro, puoi ottenere una borsa: qui il Bando di Concorso INPS. Il Master offre un’opportunità di formazione specialistica sulla comunicazione professionale e aziendale, con un focus particolare sul web, i social media e le forme più innovative di comunicazione, negli ambiti del guerrilla e del viral marketing, dell’experiential marketing, dell’internet marketing, del social media marketing. Se hai almeno una laurea triennale e vuoi intraprendere un percorso di formazione professionalizzante sulla comunicazione contemporanea, il Master fa al caso tuo. Anche se già lavori e vuoi continuare a studiare lavorando, Continua a leggere

Stranamore virale

Di primo acchito «Il bacio di Cleopatra» poteva sembrare la trovata di una ragazza di belle speranze che – più che ingelosire l’amato Cesare come dichiarava – voleva in realtà farsi notare per finire in qualche trasmissione di Maria De Filippi.

Ecco come l’iniziativa è stata presentata su Youtube:

Ed ecco il profilo Facebook creato per proseguire l’asta, una volta cancellata da Ebay.

A bacio avvenuto – in Galleria Vittorio Emanuele a Milano sabato 12 dicembre alle 17.00, sotto un ramo di vischio e di fronte a una piccola folla di curiosi e giornalisti – è stato finalmente chiaro a tutti ciò che fino a quel momento era chiaro solo ai professionisti: era un’azione di guerrilla marketing firmata dal neonato network di comunicazione non convenzionale Magilla Guerrilla per conto del CESVI, una ONG di Bergamo che donerà i 1000 euro che Cesare ha pagato per baciare Cleopatra ai bambini del Nord Uganda.

Il bacio in Galleria Vittorio Emanuele è servito a promuovere sia l’evento One Kiss One Euro (per ogni bacio che le coppie si daranno sotto il vischio, sarà dato un euro in beneficenza), sia il progetto Scommettichecisposiamo.it:

«Un progetto Cesvi creato per mettersi in gioco a sostegno di progetti umanitari in modo divertente e lontano dalla classica beneficenza seriosa. L’obiettivo è coinvolgere i visitatori stimolandoli a caricare video e foto di quello che sono disposti a fare per conquistare l’anima gemella come ha fatto Cleopatra per il suo Cesare».

Morale della favola: il marketing non convenzionale, facendo leva sullo stesso esibizionismo che porta le persone a cercare i loro 15 minuti di gloria in tv, cerca di convogliarlo sul web a fini umanitari.

Nella speranza, magari, che gli ancora piccoli numeri di internet fungano da traino per accedere ai grandi numeri della tv.

Infine, poiché il mondo è piccolo, uno dei fondatori di Magilla Guerrilla è Frankie, che conosco da anni perché ha studiato Scienze della Comunicazione, e che ora insegna al mio Master.

🙂

Grazie a Frankie e grazie a Sara, per avermi segnalato l’evento.

A conclusione di tutto, ecco il video del disvelamento:

Il marketing del marketing

Per introdurre e posizionare nel mercato un nuovo marchio (servizio, prodotto), occorre anzitutto trovargli un nome (è il cosiddetto naming). Poi, naturalmente, bisogna dotarlo di significato, arricchirlo di suggestioni e emozioni, arredare di situazioni, cose, persone, eventi il mondo in cui il nuovo marchio (servizio, prodotto) andrà a vivere. La comunicazione lavora sull’arricchimento semantico, con tutti i mezzi: spot, affissioni, campagne stampa, testimonial, ospitate televisive e tutto ciò che sappiamo.

Il marketing applica lo stesso metodo a sé, per vendere sempre nuovi corsi di formazione, curricoli accademici, libri, posti in azienda. Ma troppo spesso si limita alla prima parte: l’invenzione di nuove etichette. Sicché, lasciati soli, i nomi muoiono presto. Come le mode.

Grazie a Silvia, ecco un censimento dei tipi di marketing più in voga ora. Ma di sicuro ne sta nascendo un altro mentre leggi. 🙂

(Idea per una tesi triennale: uno studio sistematico sull’origine, il posizionamento, i significati e gli intrecci di tutte queste etichette.)

Anti-Marketing
Authenticity Marketing
Buzz Marketing
Cause Related Marketing
Chrono-marketing
Co-Marketing
Community Marketing
Convergence Marketing
Contextual Marketing
Counter Marketing
Creative Marketing
Cult Marketing
Customer Centric Marketing
Database Marketing
Eco-Marketing
Emotion Marketing
Empowerment Marketing
Entrepreneurial Marketing
Environmental Marketing
Ethnic Marketing
Ethno-marketing
Event Marketing
Expeditionary Marketing
Experience Marketing
Exponential Marketing
Family Marketing
Geo-marketing
Grass Roots Marketing
Green Marketing
Guerrilla Marketing
Holistic Marketing
Interactive Marketing
Knowledge Marketing
Life Event Marketing
Loyalty Marketing
Macro Marketing
Maxi Marketing
Mega Marketing
Micromarketing
Multilevel Marketing
Multi-Sensory Marketing
Network Marketing
Neural Marketing
Niche Marketing
Non Business Marketing
Nostalgia Marketing
Olfactory Marketing
One-to-One Marketing
Permission Marketing
Scarcity Marketing
Sensory Marketing
Situational Marketing
Slow Marketing
Social Marketing
Societal Marketing
Solution Marketing
Stakeholder Marketing
Stealth Marketing
Street Marketing
Sustainable Marketing
Radical Marketing
Real Time Marketing
Relationship Marketing
Retro-marketing
Reverse Marketing
Symbiotic Marketing
Time Based Marketing
Total Relationship Marketing
Trade marketing
Trend Marketing
Tribal Marketing
Turbo Marketing
Undercover Marketing
Value Marketing
Viral Marketing
Yield Marketing

(da B. Cova, A. Giordano, M. Pallera, Marketing non-convenzionale. Viral, guerrilla, tribal e i 10 principi fondamentali del marketing postmoderno, Il Sole 24 Ore Pirola, 2008.)