Galbusera: «Si può essere buoni senza essere zuccherosi»

Ripropongo oggi la riflessione che ho fatto l’anno scorso sullo spot “I love you, Lucia!” di Galbusera, che è tornato in onda in questi giorni e mette in scena una relazione fra donna e uomo diversa dal solito, valorizzando, in apparenza, la “bontà non-zuccherosa”, ma andando verso un finale di accettazione trasgressiva e sorridente di vita, mascolinità e alimentazione… anche zuccherose, perché no.:)

D I S . A M B . I G U A N D O

Lo spot Galbusera

Da un paio d’anni va in onda lo spot dei biscotti Galbusera “Buoni così”, interessante per l’ironia con cui mette in scena una relazione fra uomo e donna diversa dal solito. Mentre lei, giovane manager in tailleur impeccabile, sopporta una pesante riunione in cui si parla dei «risultati del primo semestre deludenti», dalla finestra appare lui che, travestito da coniglio rosa, canta stonando, accompagnandosi con una chitarrina e pure ammiccando «I love youuuu Lucia». Alla fine la giovane,

View original post 250 altre parole

Un lavoro nel campo del Digital/Online Marketing a Bristol, Inghilterra

web_marketing

Ricevo da Silvia, ex studentessa in Scienze della Comunicazione, la segnalazione di una possibilità di lavoro nel campo del Digital/Online Marketing per un’azienda inglese, situata a Thornbury, Bristol. È un impiego a tempo pieno Continua a leggere

Uno stage a Milano nel settore dell’email marketing e della pubblicità online


Logo Mail & Brands

Ricevo da Carlotta, che si è laureata con me in Scienze della comunicazione nel marzo 2014 e ha trovato lavoro grazie a questo annuncio sul mio blog, un’offerta di stage da parte della stessa azienda presso cui lei lavora, offerta che volentieri pubblico: Continua a leggere

Referendum #trivelle: che ruolo ha svolto l’invito di Renzi all’astensione?

referendum

Va detto: dopo Berlusconi e dopo due anni e due mesi di governo, Matteo Renzi è oggi, in Italia, il politico più capace di interpretare le emozioni, i pensieri e gli umori dell’italiano e dell’italiana media. Non era così abile quando si rivolgeva a quello che fino a tre o quattro anni fa (sembrano secoli) si identificava come “elettorato di centrosinistra”, ma ora che parla a tutti/e in generale, indipendentemente dalla distinzione destra vs. sinistra, tanto di cappello: è proprio bravo. Anche l’invito – più o meno esplicito – all’astensione dal referendum di ieri, ripetuto fino all’ultimo: un successo annunciato, una mossa che non poteva che portare il governo e la maggioranza Pd alle dichiarazioni di soddisfazione cui abbiamo assistito. E non parlo col senno di poi. Mi spiego in pochi punti: Continua a leggere

Un tirocinio extracurricolare per attività di Search Engine Optimization (SEO)

Google SEO

Nel gennaio 2015 raccontai la storia di Alessandro Piccari che, all’epoca laureando alla magistrale di Semiotica, stava per passare, ancor prima di laurearsi, da un tirocinio curricolare a un contratto di apprendistato presso l’agenzia di comunicazione JacLeRoi, specializzata in food and beverage marketing (leggi: Quando la semiotica aiuta a trovare lavoro). Nel luglio 2015 pubblicai la sua tesi magistrale, ispirata in parte al suo tirocinio (la puoi scaricare da qui: Uno sguardo semiotico sulla Search Engine Optimization. Il caso lucanica.eu, portale di prodotti tipici). Oggi che Alessandro lavora in modo stabile presso la stessa agenzia, mi segnala un’opportunità simile – e dunque preziosa! – per un/a laureato/a nell’area della comunicazione. Ecco chi cercano: Continua a leggere

Quanto ha inciso #Casaleggio sulla comunicazione politica degli ultimi anni?

Gianroberto_Casaleggio

Gianroberto Casaleggio, appena scomparso, ha inciso molto sulla comunicazione politica italiana degli ultimi anni. Nel bene e nel male. Con luci e ombre. E non solo su quella del Movimento 5 Stelle. Il suo contributo fondamentale sta nella centralità che ha sempre dato all’uso della rete, non solo per la comunicazione politica ma per l’organizzazione complessiva dell’attività politica e per la partecipazione di tutti/e alla cosa pubblica. Incluse alcune esagerazioni e ingenuità da tecnoentusiasta, certo, ma in un paese arretrato come l’Italia dal punto di vista della diffusione della rete e della cultura digitale, ben venga il tecnoentusiamo. Ulteriori dettagli su come la penso, nell’intervista che ho rilasciato oggi a Radio Città Fujiko, andata in onda durante la trasmissione Fujiko Focus On. Ecco l’audio (dura 3’26”): Continua a leggere

Amministrative 2016: cosa comunicano manifesti troppo simili e vuoti

In 1371 comuni italiani si è aperta da alcuni giorni la campagna per le amministrative 2016, il che vuol dire, in soldoni, che anche le persone più distratte, quelle che seguono meno la politica o, peggio, che meno la sopportano, possono vedere per strada i faccioni dei candidati e delle candidate a sindaco. Affissioni: è qui che si esercita la pubblicità più invasiva, in tutti i campi, da quella commerciale a quella politica. È qui che si gioca, per un marchio come per un/a candidato/a, la possibilità di entrare nella testa delle persone senza troppe parole, sia in senso positivo Continua a leggere