Archivi tag: Movimento 5 stelle

Quanto ha inciso #Casaleggio sulla comunicazione politica degli ultimi anni?

Gianroberto_Casaleggio

Gianroberto Casaleggio, appena scomparso, ha inciso molto sulla comunicazione politica italiana degli ultimi anni. Nel bene e nel male. Con luci e ombre. E non solo su quella del Movimento 5 Stelle. Il suo contributo fondamentale sta nella centralità che ha sempre dato all’uso della rete, non solo per la comunicazione politica ma per l’organizzazione complessiva dell’attività politica e per la partecipazione di tutti/e alla cosa pubblica. Incluse alcune esagerazioni e ingenuità da tecnoentusiasta, certo, ma in un paese arretrato come l’Italia dal punto di vista della diffusione della rete e della cultura digitale, ben venga il tecnoentusiamo. Ulteriori dettagli su come la penso, nell’intervista che ho rilasciato oggi a Radio Città Fujiko, andata in onda durante la trasmissione Fujiko Focus On. Ecco l’audio (dura 3’26”): Continua a leggere

Europee 2014: due parole sui manifesti elettorali

Due giorni fa Sara Dellabella mi ha fatto un’intervista per Panorama.it sulle poche affissioni elettorali che si sono viste nella campagna per le europee. Eccola: Continua a leggere

Il derby “speranza vs. rabbia”. Una contrapposizione rischiosa

smiley-hope Smiley anger

In questi giorni la competizione fra il Partito Democratico e il Movimento 5 Stelle è stata spesso rappresentata come un contrasto fra speranza (Pd) e rabbia (M5S), che Renzi ha persino tradotto in linguaggio calcistico come “derby”. Trovo assai rischioso rappresentare la competizione elettorale del 25 maggio in questi termini, per alcune ragioni che cerco di spiegare in breve. Continua a leggere

L’elettorato M5S è ancora un’«incognita»?

Incognita

Dicevo l’altro giorno della sempre maggiore aleatorietà, negli ultimi anni, della politica italiana, da un lato, e del suo elettorato dall’altro. Un’aleatorietà che i sondaggi fanno fatica a inseguire, ad anticipare. Aggiungo oggi una considerazione sulla cosiddetta “incognita” del Movimento 5 Stelle, come i media hanno più volte etichettato lo spiazzamento che Continua a leggere

Come vincere le elezioni europee

Credo che un segnale chiarissimo sulla direzione da prendere per vincere le elezioni europee, nei limiti in cui contano i sondaggi (ma se ben fatti e ben letti contano, eccome), arrivi ai partiti dai risultati del sondaggio Ipsos che Pagnoncelli ha mostrato martedì sera a Ballarò. Questi: Continua a leggere

Renziana? Antirenziana? Grillina? Berlusconiana? Questione di dettagli

Dettagli

Ogni volta che scrivo di comunicazione politica, puntualmente qualcuno legge ciò che ho scritto in modo strumentale. O meglio, lo strumentalizza ma accusa me di averlo scritto in modo strumentale: come se io usassi le mie analisi per “parteggiare” per l’una o l’altra parte politica. Poiché da quando scrivo su questo blog e sul Fatto Quotidiano ho analizzato la comunicazione di (quasi) tutti i politici, sono stata definita a turno (anche con rabbia): veltroniana e antiveltroniana, bersaniana e antibersaniana, berlusconiana e antiberlusconiana, finiana e antifiniana, leghista e contro la Lega. Più di recente (ieri incluso), alcuni mi hanno accusata di essere Continua a leggere

M5S: perché Di Battista può togliere molti voti al Pd (e non solo)

Alessandro Di Battista

Il M5S sta imparando a mandare in televisione i suoi parlamentari più adatti al mezzo. In particolare Alessandro Di Battista, prima da Santoro e poi dalla Bignardi, è stato la rivelazione delle ultime settimane. La lunga intervista di venerdì scorso alle Invasioni barbariche serviva soprattutto – dal punto di vista di M5S – a spiegare («siamo arrabbiati») e a stemperare i toni accesi e la zuffa in Parlamento («abbiamo esagerato un po’ sui toni, alcuni toni sono deprecabili, tutto il gruppo 5 Stelle ha sbagliato»), ma è servita anche, in generale, Continua a leggere