Archivi tag: semiotica

Un tirocinio curricolare come brand strategist in un’agenzia di comunicazione

hibo_logo

HIBO, cross media agency a Bologna, sta cercando un/a tirocinante curricolare da inserire nell’area strategica. Il brand strategist si occupa dello sviluppo della strategia di comunicazione di una marca e ha il compito di indirizzare il reparto creativo verso la produzione di idee, materiali e attività che ne rispettino le linee guida. HIBO lavora soprattutto su progetti che coinvolgono i canali digitali e con clienti che Continua a leggere

Un tirocinio extracurricolare per attività di Search Engine Optimization (SEO)

Google SEO

Nel gennaio 2015 raccontai la storia di Alessandro Piccari che, all’epoca laureando alla magistrale di Semiotica, stava per passare, ancor prima di laurearsi, da un tirocinio curricolare a un contratto di apprendistato presso l’agenzia di comunicazione JacLeRoi, specializzata in food and beverage marketing (leggi: Quando la semiotica aiuta a trovare lavoro). Nel luglio 2015 pubblicai la sua tesi magistrale, ispirata in parte al suo tirocinio (la puoi scaricare da qui: Uno sguardo semiotico sulla Search Engine Optimization. Il caso lucanica.eu, portale di prodotti tipici). Oggi che Alessandro lavora in modo stabile presso la stessa agenzia, mi segnala un’opportunità simile – e dunque preziosa! – per un/a laureato/a nell’area della comunicazione. Ecco chi cercano: Continua a leggere

I fashion blog: cosa sono, da dove vengono, dove vanno?

The Blonde Salad

Continuo a pubblicare alcune delle migliori tesi di laurea triennali in Scienze della comunicazione discusse la settimana scorsa: è stata una sessione prolifica e sono orgogliosa di molti dei lavori che ne sono usciti. È la volta della tesi di Michele Persici, che ha indagato con metodologia semiotica il mondo dei fashion blog:

Definiamo f​ashion blog u​n blog tematico che tratta argomenti inerenti al mondo della moda. La loro comparsa sul cyberspazio risale agli inizi degli anni 2000, un periodo di grande fermento per la diffusione dei blog in generale. In questo prolifico scenario spiccano alcuni siti come Continua a leggere

Dall’Università di Bologna a Timbuktu, passando per la Silicon Valley

Reunion_Alma_Mater

Elena Favilli si laureò a Bologna ormai diversi anni fa. Ero giovane anch’io, muovevo i primi passi come ricercatrice universitaria e fui solo correlatrice della sua tesi di laurea (relatore era il collega Costantino Marmo). Da allora, siamo sempre rimaste in contatto su internet e sui social media: ho sempre seguito con interesse, stima e affetto i progressi della sua brillante carriera professionale, sentendomi nei suoi confronti più una sorella maggiore che una prof. È perciò con vero orgoglio di sorella che oggi pubblico il testo del discorso che Elena ha tenuto nel giugno scorso, in occasione del Continua a leggere

Semiotica e SEO (Search Engine Optimization): è utile la semiotica all’ottimizzazione dei siti per i motori di ricerca?

Google SEO

È questa la domanda a cui Alessandro Piccari – laureatosi con me in Semiotica nel marzo scorso – ha cercato di rispondere nella sua tesi di laurea magistrale. I motori di ricerca sono gli operatori a cui affidiamo ogni giorno (ora, minuto) l’incombenza di spulciare, uno per uno e pagina per pagina, i siti web che parlano dell’argomento che stiamo cercando. Questi operatori ci restituiscono una SERP (Search Engine Results Page) che contiene una lista ordinata di link a pagine di siti web. L’ordine in cui appaiono questi link, appunto, è il tema cruciale per chi in rete vuole essere trovato presto e bene:  persone, aziende, istituzioni, chiunque abbia un sito web sa che Continua a leggere

Quando la Semiotica aiuta a trovare lavoro

Semiotica e filosofia del linguaggio, di Umberto Eco

Ricevo da Alessandro, che si laureerà con me in marzo alla magistrale di Semiotica, un resoconto sulla sua esperienza (positiva) di tirocinio, che si trasformerà presto in un contratto di apprendistato. Come sanno coloro che seguono questo blog, ritengo utile pubblicare la testimonianza di chi riesce a usare presto e bene le competenze acquisite durante un percorso di studi umanistico, non certo per Continua a leggere

Time out. Come i videogiochi distorcono il tempo

Time Out di Agata Meneghelli

Ti è mai capitato di notare come i videogiocatori tendano a perdere la cognizione del tempo, come sembrino vivere in flussi temporali alternativi, a volte strampalati e distorti, a volte semplicemente diversi da quello ordinario? Ebbene, è questo l’argomento del libro Time Out. Come i videogiochi distorcono il tempo di Agata Meneghelli, appena uscito presso Libreriauniversitaria, nella collana “Scienze della comunicazione” che è nata da poco sotto la mia direzione. Il libro di Agata (che si laureò con me nel 2006 e ora lavora in azienda a Milano) risponde a diverse domande: Continua a leggere