Giocattoli: Natalia, Gamora, Rey, dove siete? Perché mancano le action figures femminili?

Black-Widow

Propongo oggi una riflessione pubblicata su Arte Rivista, e firmata da Flavia Irene Gatti, alla quale ho rilasciato una breve intervista. La domanda che Flavia si (e mi) pone è: il cinema propone spesso – e negli ultimi anni con frequenza maggiore – supereroine donne, dotate di forza fisica, grande intelligenza e superpoteri. Perché l’industria dei giocattoli non riproduce le action figures delle supereoine, ma insiste sempre e solo sui supereroi maschi?

Entrate in un qualsiasi centro commerciale e dirigetevi verso l’area giocattoli. Bene, ora cercate gli scaffali dedicati ai giochi per bambine: non è un tripudio di bambole e di rosa?

Non tutte le ragazzine, però, desiderano una Barbie. Alcune (molte) vogliono giocare con le eroine che vedono al cinema, quelle che sfondano mascelle barbute con un calcio o usano con maestria armi spaziali e luminose. Più recentemente le protagoniste della Marvel o quelle di Star Wars. E dove dovranno guardare le bambine per trovare i giocattoli delle loro eroine? Negli scaffali dei maschietti? No, nemmeno lì. Chiunque dia un’occhiata ai negozi e ai cataloghi di giocattoli e di action figure riguardanti gli ultimi film della Marvel, come gli Avengers o Guardiani della galassia oppure Star Wars: The Force Awakens, avrà potuto notare la quasi totale assenza delle protagoniste del film, rispettivamente la Vedova Nera, Gamora e Rey.

Black-Widow-not-on-merchandise_article_story_large
Le eroine Marvel sono state snobbate in favore dei colleghi maschi. Per esempio dall’ultimo film degli Avengers della Vedova Nera non c’è nemmeno l’ombra: è stata esclusa dal set di supereroi composto da semidei e machi con armatura robotica. E spaziando nell’universo femminile di superoine e via dicendo sono parecchie le assenze che si fanno sentire: Wonder Woman, dove la lasciamo? Probabilmente in magazzino. E Super Girl, rinata grazie alla serie della CBS del 2015? Una valanga di t-shirt che si confondono con quelle del più noto Superman e pochissime action figure sugli scaffali.

12596792_10207383595900904_504791989_o

E il mondo di internet, a cui nulla sfugge, ha subito gridato all’etere questa disparità: famoso l’hashtag lanciato su Twitter #whereisnatalia (cioè Natalia Romanov, nome dell’eroina in latex nero, la Vedova Nera degli Avengers, interpretata da Scarlett Johansson). E in tempi ancora più recenti un’altra domanda rimbomba su tutte le piattaforme social: #whereisrey, Rey dove sei?.

12583798_10207383594140860_1827739374_n

No, non stiamo parlando dell’ennesima teoria complottista sull’ultimo film della saga di Star Wars, quanto piuttosto di uno degli aspetti fondamentali e portanti dell’impero (questa volta non galattico) multimilionario che ha creato George Lucas: il merchandising. Anche la povera Rey entra a fare parte del club delle desaparecidas: il pupazzo della nuova eroina della saga cede il posto sugli scaffali alle rappresentazioni di Finn, il co-protagonista maschile, dell’antagonista Kylo Ren, del classico Darth Vader o di un qualsiasi Stromtrooper. Anche nella versione galattica del Monopoli le pedine raffigurano Finn, Darth Vader, Kylo Ren e persino Luke Skywalker in versione Il Ritorno dello Jedi, ma ancora niente Rey.

12607366_10207383595140885_595452112_n

Alle altre protagoniste femminili del film non va certo meglio: Leia (che da principessa è diventata generale), la capitana Phasma e l’aliena Maz Kanata non sono ancora apparse.

“Abbiamo volute evitare possibili spoiler sulla trama” si è giustificata con una dichiarazione rilasciata a Entertainment Weekly la Hasbro, società produttrice del merchandising della saga, dopo avere ricevuto una serie di lamentele da parte dei fan sull’assenza di Rey. E così è dovuta subito correre ai ripari annunciando l’imminente uscita di nuove action figue femminili.

12583712_10207383594900879_668766400_n

Perché questa consistente disparità nel mondo dei giocattoli e dei gadget di film di azione e di avventura e di fantascienza? Non hanno diritto anche le bambine a giocare con figure femminili che hanno qualcosa in più di lunghi capelli biondi e tacchi vertiginosi?

«Il mercato dei giocattoli ha subito delle modifiche negli ultimi decenni –  spiega Giovanna Cosenza, docente di Semiotica dei nuovi media all’Università di Bologna – Dagli anni ’90 è iniziata una regenderization, una regenderizzazione, per cui in un negozio di giocattoli i padiglioni per le bambine sono caratterizzati dal colore rosa. Nei decenni precedenti la differenza fra giocattoli per bambino e bambina non era così marcata: oggi c’è l’impero del pink, ovvero bambina uguale pink».

A questo punto come colloca l’industria dei giocattoli l’avvento di personaggi femminili con caratteristiche solitamente degne di un protagonista maschile in un mercato che essa stessa negli ultimi vent’anni ha cercato di dualizzare a livello di genere?

«La scelta, deliberata o meno, di escludere i personaggi femminili dal merchandising – prosegue Cosenza – può essere semplicemente spiegata attraverso una logica di marketing: i maschietti giocano di più con le action figure, quindi comprano di più. Inoltre andrebbe contro la regenderization attuata negli anni dall’industria del gioco. Nessuno schema malvagio di da dietro le quinte di Hollywood per mettere in ombra le nuove figure femminili più forti e empowered, quindi. In America il cinema dovrebbe invece dare più ruoli di azione fisica e mentale alle donne e trainare la controtendenza anche nel mondo dei giocattoli» Flavia Irene Gatti.

 

4 risposte a “Giocattoli: Natalia, Gamora, Rey, dove siete? Perché mancano le action figures femminili?

  1. La scelta, deliberata o meno, di escludere i personaggi femminili dal merchandising – prosegue Cosenza – può essere semplicemente spiegata attraverso una logica di marketing

    Tutta sta roba e’ della disney, non e’ la Hasbro che prende le decisioni. Nel caso di Rey pare ci fossero molti prototipi nella linea ma il management li ha esclusi. Sono cazzate che e’ per non rovinare la trama e’ un esclusione attiva. La bambine sono principesse e i bambini sono super eroi nei negozi della disney. Punto.

    http://www.pajiba.com/star_wars/heres-the-ugly-truth-about-exactly-why-rey-was-missing-from-star-wars-merchandise-.php

    an “industry insider” present at the merchandising meetings with Disney and Lucasfilm opens up the boardroom doors to give us a peek at the ugliness behind the decision to exclude Rey. When vendors made their first presentations at Lucasfilm’s Letterman Center in San Francisco, Rey was “prominently” featured among the merchandise prototypes. The inside source says that though initial discussions were positive, the inclusion of female characters became an issue among some of the executives present. The vendors were finally directed to specifically exclude Rey from all Star Wars merchandise.

    The source added that he/she was told:

    “We know what sells. No boy wants to be given a product with a female character on it.”

    questo e’ stato riportato anche da altri. Sono sicura questo sia successo anche per gli altri caratteri femminili. La decisione risulta ancora piu’ incredibile nel caso di Rey che e’ la protagonista indiscussa del film. Questa cosa del merchandise mi manda in bestia, perche’ e’ rappresentativa del sessismo di fondo che ci circonda. Va be’ che Superwoman e’ DC e non disney/marvel e quindi si spera prenderanno altre decisioni, ma cosa faranno quando uscira’ il suo film ci metteranno solo il side kick maschile?

    Pensare che la Marvel ha uno stuolo di super eroine fantastiche nei fumetti.

  2. nei film ci sono molti personaggi femminili tosti quanto quelli maschili. Il problema è il mechandsing

  3. Non so, io sono sempre più perplesso per la mancanza d’interventi da parte dei pubblicitari ed esperti marketing, intendo non quelli delle associazioni sensibili come Guastini & C. ma gli autori e responsabili di “questo” tipo di merchandising strategies… E’ come se il loro silenzio c’insinuasse che sono loro, corroborati dalla conoscenza del mercato, a sapere quali sono i reali bisogni e dinamiche del mondo umano in relazione ai fattori del gender, mentre noi antisessisti continuiamo ad esporre un tipo d’istanze che sembra trovare riscontro prettamente nelle parole parole e nei discorsi della gente. Un po’ come quando in nome della gender equality ci si lamenta per la scarsa presenza complessiva sui media di uomini nudi rispetto alle donne nude, dopodiché i dati reali sul consumo di pornografia in internet ci fanno scoprire che la categoria “lesbian” è la più cliccata anche dalle donne: come a dirci, cari antisessisti state rivendicando una parità in cui pochissimi credono e che pochissimi desiderano, se è vero che gli uomini nudi non interessano a nessuno, forse poco persino ai gay altrimenti non si spiegherebbe il dato complessivo… Non so, è come un dibattito sempre più schizofrenico. Oppure sto perdendo qualche tassello importante?

  4. premesso che gli uomini nudi in tv ci sono (poi è ovvio che se è necessario al film o al telefilm mostrare certe nudità vanno mostrate) trovo anch’io un po’ risibile il calcolare col bilancino le nudità maschili e femminili.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...